E’ la Natural Power numero 300 mila prodotta nello stabilimento G. Vico di Pomigliano d'Arco

Tutti parlano di smog e di blocchi del traffico, anche all’estero. E’ così che quest’anno Fiat al Salone di Ginevra accende i riflettori sull’alimentazione a metano ed espone un esemplare di Panda che rappresenta un importante traguardo per l’azienda: la Panda Natural Power numero 300 mila. Nessun'altra vettura a metano è più diffusa in Europa e subito dopo di lei c'è un’altra Fiat, la Punto. Per sottolineare questi numeri e ricordare che la prima city-car con alimentazione CNG prodotta su larga scala è stata proprio la Panda, questo esemplare - una Lounge bianca - è esposto con una livrea creata specificatamente per il Salone.

Il propulsore è il TwinAir Turbo Natural Power, il bicilindrico a doppia alimentazione benzina-metano che sviluppa 80 CV e consuma (ogni cento chilometri nel ciclo combinato) 4,5 litri di benzina o 3,1 chilogrammi di metano, con emissioni di CO2 pari a 106 grammi al chilometro viaggiando a benzina e 85 grammi quando si utilizza il metano. In pratica, rispetto alle alimentazioni a benzina, il metano riduce del 23% le emissioni di CO2 e del 52% quelle di ossidi d'azoto. A proposito di veicoli a doppia alimentazione benzina-metano, FCA occupa una posizione da leader in Europa, con oltre 700 mila veicoli venduti e una gamma di sei modelli del marchio Fiat (Panda, Punto, Qubo, Doblò, 500L e 500L Living), uno Lancia (Ypsilon) e quattro Fiat Professional (Fiorino, Doblò Cargo, Ducato e Ducato Panorama).

Fiat Panda lancia la sfida del bio-metano

Foto di: Eleonora Lilli