La piccola pepata di casa Ford si presenta rinnovata nel motore e nella gestione delle prestazioni

Una delle macchine più divertenti da guidare di tutto il Salone di Ginevra anche rispetto alle supercar, questo potrebbe essere la Fiesta ST nella sua versione rinnovata che raggiunge le sua sorelle nella nuova famiglia Fiesta. Dimesioni peso e potenza ne hanno sempre fatto una macchina "giusta" per la strada. Il condizionale però è d’obbligo, non solo perché non è stata ancora guidata, ma anche perché la nuova genrazione porta in dote un nuovo propulsore a 3 cilindri 1.5 litri turbo che rappresenta un curiosità per chi è abituato alle auto con un po’ di pepe. Per il resto la potenza di 200 cavalli e la coppia di 290 Nm lasciano ben sperare.


Potenza, coppia, ma anche una serie di novità soprautto nella gestione di questi elementi. In particolare in evidenza le tre modalità di guida selezionabili: normal, sport e track  che modificano la risposta dell’acceleratore, i controlli di trazione e di stabilità e lo scarico. Tra l'altro il controllo elettronico di stabilità può essere totalmente disattivato, cosa che per chi desidera un feeling veramente sportivo è una bella novità. All’interno, lo schermo dell’infotainmet Sync 3 è sistemato in alto in modo da non distrarre troppo dalla guida e fanno la loro bella figura i sedili Recaro. Completano la dotazione il cambio rigorosamente manuale e il cerchi da 18’’. Ford annuncia che la Fiesta ST sarà disponibile (non si sa quando) anche in versione 5 porte.

Ford al Salone di Ginevra 2017