La Project Hero permetterà decollo e atterraggio di droni per operazioni avanzate di salvataggio

Si chiama Project Hero l’esemplare unico di Discovery che Land Rover fornirà alla Croce Rossa austriaca. Presentata al Salone di Ginevra, si tratta di una Discovery molto speciale, dotata della tecnologia necessaria a far decollare e atterrare un drone, il quale a sua volta è destinato alla ricerca di persone disperse in seguito, per esempio, a una slavina. Nel dettaglio, tale tecnologia consiste in un sistema magnetico di ritenzione e auto-centraggio del drone.


Un supporto globale alla Croce Rossa


Ma non è tutto, perché Project Hero è un veicolo dotato anche di un sistema di comunicazione molto avanzato mediante il quale Land Rover intende dare un supporto concreto all’IFRC (International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies) nello sviluppo di tecnologie sempre più avanzate per la ricerca di persone in caso di disastri ambientali. La presentazione al Salone di Ginevra non è casuale, se si pensa che proprio in questa città svizzera ha sede la Croce Rossa internazionale, ente a cui Land Rover fornisce i propri veicoli e il proprio know-how addirittura dal 1954.


Inarrestabile, iper-tecnologica


Project Hero si basa sulla nuova Discovery 3.0 V6 turbodiesel e, oltre alla piattaforma per la gestione del drone offre anche un pavimento scorrevole posteriore ultra-resistente, un pannello dietro i sedili posteriori dotato di ganci ed equipaggiamento addizionale per il soccorso, luci a led aggiuntive e un generatore di corrente dotato di prese multiple, compatibili con i vari standard internazionali. La vettura verrà fornita al centro di addestramento di Erzberg della Croce Rossa austriaca a giugno di quest’anno e il drone verrà utilizzato per delle simulazioni e delle sperimentazioni.

Land Rover Discovery, una “porta-aerei” per la Croce Rossa