Citroen, Opel e Peugeot presenteranno nei prossimi giorni nuovi modelli basati sulla piattaforma EMP2

Il Gruppo PSA crede fortemente nei SUV e crossover di tutte le taglie ma non solo: il colosso francese infatti non intende abbandonare il segmento dei LAV (leisure activity vehicle), da noi più comunemente chiamati “multispazio”. Una tipologia di veicoli che PSA vuole rinnovare per dare ulteriore slancio a Push to Pass, la strategia presentata nel 2016 e che accompagnerà la Casa guidata da Carlos Tavares fino al 2021. La ricetta è semplice: una piattaforma in comune e 3 stili differenti per ogni modello, rispettosi dei vari family feeling.

EMP2 alla base

La piattaforma sarà completamente nuova e derivata dall’EMP2, quella di Peugeot 3008, Citroen C4 Picasso e Opel Grandland X e monterà le ultime generazioni di motori e sistemi di assistenza alla guida del gruppo PSA. Il tutto con 2 differenti lunghezze e possibilità di avere 5 o 7 posti, a seconda delle esigenze. I 3 multispazio Citroen, Opel e Peugeot infatti avranno in comune grande modularità dello spazio interno, ognuno con i tipi tratti stilistici che appartengono al marchio. Non si parla di versioni ibride, ma sappiamo che la piattaforma EMP2 nasce per ospitare motori endotermici affiancati da unità elettriche e non è quindi da escludere che anche i multispazio PSA possano essere soggetti a futura elettrificazione.

Fabbriche high-tech

I 3 nuovi multispazio verranno assemblati nelle fabbriche di Vigo (Spagna) e Mangualde (Portogallo) con nuove tecnologie costruttive che, dicono in PSA, danno vita a fabbriche 4.0, ovvero con sistemi di automazione evoluti. La presentazione dei modelli Citroen, Opel e Peugeot è prevista nei prossimi giorni e non è da escludere una loro presenza al prossimo Salone di Ginevra.

Fotogallery: PSA, arrivano nuovi multispazio Citroen, Opel e Peugeot