L'azienda torinese costruirà la prima auto per settembre 2019. I modelli sono una berlina e un SUV

L’acquisizione nel 2015 ad opera della Mahindra ha sancito l’inizio di un periodo molto fortunato per la Pininfarina, che ha stretto varie collaborazioni negli ultimi anni ed è tornata in “carreggiata” dopo la grave crisi economica dei primi ‘00. L’ultimo accordo raggiunto dalla società torinese è con la VinFast, un’azienda vietnamita che ha affidato alla Pininfarina lo sviluppo, la progettazione e lo stile di una berlina e di un SUV, anticipati da immagini volutamente molto sfocate da cui si capisce solo che avranno fari a forma di ali. L’accordo con la VinFast segue quello con l’HK Group.


I progetti vincitori "scelti" da internet


La Pininfarina è stata selezionata dalla VinFast dopo una votazione online lanciata ad ottobre, in cui l’azienda vietnamita ha chiesto ai partecipanti di scegliere due proposte di stile fra le venti presentate (anche dalle Italdesign e Zagato). In entrambi i casi ha vinto la Pininfarina, stando a quanto annunciato, che metterà a punto i progetti dietro un pagamento che secondo le indiscrezioni si aggira intorno ai 5 milioni di dollari. Il “rilancio” della Pininfarina è legato proprio ad attività del genere, complici le ambizioni di società che hanno i mezzi per fare tutto da sole.


Mercato in crescita


La VinFast e l’HK Group si rivolgono alla Pininfarina (o ad aziende concorrenti) e in cambio ottengono un progetto finito, quando magari non hanno né le competenze tecniche né l’ispirazione in termini di stile per arrivare ad un simile risultato. La VinFast vuole “cavalcare” in questo modo l’espansione del mercato vietnamita, tanto da fissare l’obiettivo di 500.000 fra auto e scooter entro il 2025. Entro i prossimi due anni il costruttore prevedere di realizzare fra 100.000 e 200.000 veicoli, ma la prima vettura firmata dalla Pininfarina (attesa nel 2019) dovrebbe far aumentare le vendite.

Pininfarina, due auto per il Vietnam con la VinFast