Svelata la monoposto del team svizzero con motore V6 turbo ibrido Ferrari, affidata a Leclerc ed Ericsson

"Piansi per la gioia. Ma le mie lacrime d’entusiasmo erano mischiate con quelle di dolore perché pensai: oggi ho ucciso mia madre". Furono queste le parole di Enzo Ferrari commentando la prima vittoria della sua vettura a Silverstone nel 1951, battendo le Alfa Romeo. Storia, come quella che vive e traspira nel filmato ufficiale per quello che, a tutti gli effetti, è un ritorno del Biscione nella massima Formula, con quella rievocazione alla storica 158 sovralimentata di Nino Farina e, sopratutto, la 159 di Juan Manuel Fangio. Oggi dunque, seppur entro certi limiti, si fa la storia con la presentazione ufficiale della Alfa Romeo Sauber C37. Si è voluto ricreare quell'alone mistico tra passato e presente, per il rilancio di un marchio anche attraverso la Stelvio e la Giulia, presenti nel video.


Sacra Alleanza


Un rilancio come filo conduttore sia per Sauber che per Alfa Romeo. La prima, scuderia che ha mantenuto quella romantica lettera C per omaggiare Christiane, la moglie di Peter Sauber, viene da anni di profonda crisi. La seconda, è una casa che ha nel DNA le corse, e che si è voluta legare non solo in termini di visibilità, ma anche con la volontà di uno scambio tecnologico da poter sfruttare in futuro. Questi i termini di un'alleanza che, volenti o nolenti, ha riportato la casa italiana sulla bocca di molti. Per farlo, si è scelta una coppia giovane in continuità da un lato, con Marcus Ericsson già presente tra le effigi della scuderia svizzera, ed il giovane talento di Charles Leclerc, dominatore della Formula 2 e forgiato dalle stimmati del "fenomeno" prossimo futuro in orbita Cavallino Rampante, intervistato pochi giorni fa da OmniAuto.it sulla pista di Balocco.


Forma e contenuto


Già perchè il legame tra Maranello e Milano è evidentemente vivo dal punto di vista tecnico e tecnologico. La Sauber C37 è equipaggiata con il propulsore Ferrari, così come il cambio, entrambi con le ultime specifiche, come per la Rossa ufficiale. Una vettura che rivela soluzioni interessanti, come il doppio convoglio sul muso, chiuso per indirizzare al meglio i flussi sul T-Tray e verso il diffusore, ma anche una soluzione delle pance ispirata alla Ferrari del 2017. Presente ovviamente l'Halo, con tante feritoie e aperture ai suoi lati, evidentemente per un maggior afflusso d'aria. Tecnica, a cui rimandiamo la palla ai nostri cugini di Motorsport.com Italia. Noi ci limitiamo a registrare ufficialmente un nuovo capitolo di Alfa Romeo nella storia del Motorsport. E pazienza se per il momento si tratta più di forma che di sostanza. Il cammino virtuoso, sia per i giovani piloti da proiettare, che per un futuro tecnologico più importante per il Biscione, è appena cominciato.



La nostra chiacchierata a 240 km/h con Leclerc, pilota F1 Alfa Romeo




Non capita tutti i giorni di fare da passeggero ad un pilota di Formula 1. Se poi parliamo di una giovane promessa come Charles Leclerc che correrà con il team Alfa Romeo Sauber avete capito che dovete necessariamente fare "play" su questo video.

Alfa Romeo Sauber C37 F1




L'Alfa Romeo Sauber C37 svela per la prima volta le sue forme in attesa di vederla in pista per la stagione 2018 di Formula 1.

Alfa Romeo Sauber F1, ecco la C37