Quella di ieri sembrava la parola fine, in realtà in Porsche non escludono nulla…

L’aria per il diesel è sempre più pesante (dopo averla appesantita a noi, direbbe qualcuno…): come vi abbiamo scritto ieri Porsche ritira dal mercato l’unico suo modello con motore a gasolio, cioè la Macan S diesel. Lo stesso destino era toccato qualche mese fa, per la precisione a novembre dello scorso anno, alla Panamera 4S diesel, in commercio per appena un anno. Eppure, non tutto è deciso.


La prima reazione


Porsche ha spiegato la scelta dell’uscita di scena della Macan con poche righe, ma piuttosto significative: “I motori diesel rappresentano una minima parte della storia Porsche, che infatti non ne ha mai sviluppato uno internamente. In più, negli ultimi anni, la richiesta da parte del mercato sta calando, mentre cresce quella per l’ibrido e per i propulsori a benzina. Alla luce di ciò, la Macan S diesel esce dal listino”. Insomma, fino a qui nulla di nuovo rispetto a quanto emerso ieri mattina. Successivamente però è arrivata una nuova comunicazione, una sorta di precisazione.


Una porta è ancora aperta


Questo il contenuto della nota: “Ciò non significa che non esisterà mai più una Porsche a gasolio. Come annunciato, infatti, la Cayenne avrà una variante diesel, anche se al momento non sappiamo quando la lanceremo sul mercato”. Fino a prova contraria, quanto affermato dalla fonte ufficiale Porsche corrisponde a verità. Una cosa però non torna: nell’industria dell’auto non si improvvisa nulla, in quella tedesca ancora meno. La Cayenne di terza generazione è già stata lanciata sul mercato da qualche mese ed è difficile credere che Porsche non abbia pianificato con precisione il debutto della versione diesel. Il sospetto che il management stia “alla finestra” per vedere quello che accade sul mercato è forte. Staremo a vedere. E voi, la comprereste ancora una Porsche diesel, ammesso che l’avreste mai comprata?

Porsche Macan, perché comprarla... e perché no [VIDEO]

Foto di: Giuliano Daniele