La versione diesel è a quota 47.500 euro mentre la GT da 370 CV 55.000, di serie c’è proprio di tutto

La Kia Stinger la conosciamo bene: l’abbiamo provata lo scorso autunno ed è stata nostra compagna negli hot lap dello scorso Motor Show di Bologna. L’ultimo tassello che ci mancava era il listino prezzi e ora che la Gran Turismo coreana si appresta ad arrivare nelle concessionarie italiane, ecco che arriva anche lui. Un listino semplice che dice 47.500 euro per la Stinger col 2.2 diesel da 200 CV e 55.000 per quella col V6 turbo benzina di 3,3 litri da 370 CV, con la lista degli optional ridotta all’osso perché, di serie, c’è davvero di tutto.

Tutto compreso

Trazione integrale (2.000 euro), vernici speciali (metallizzato o perlaceo, 1.000 euro) e tetto panoramico (1.000 euro): si esauriscono qui gli optional disponibili per la Kia Stinger GT Line, ovvero quella col motore diesel, mentre la GT da 370 CV ha già di serie la trazione integrale e per averla al top del top basta aggiungere i 2.000 euro per la vernice e il tetto in cristallo. I classici 7 anni di garanzia, luci full led, interni in pelle, telecamera da 360°, head up display, sedili riscaldati e ventilati, sistema di infotainment, cruise control adattivo e altri sistemi di assistenza alla guida sono tutti di serie.

Una scommessa da vincere

Con la Stinger Kia vuole entra nella sua versione 2.0 e cerca di rinnovare la propria immagine aggiungendo la sportività al proprio DNA e andando a infilarsi in una fascia di mercato che conta anche Audi A5 Sportback e BMW Serie 4 Grand Coupé. Un nuovo viaggio all’insegna del claim “Long live driving” (lunga vita alla guida) che potrebbe partire con la nomina di “Auto dell’anno 2018”. La Gran Turismo coreana infatti è nella lista delle 7 finaliste del premio la cui vincitrice verrà svelata il giorno prima dell’apertura del Salone di Ginevra 2018.

Kia Stinger, alle origini delle granturismo