La quattro porte e quattro posti di lusso, al debutto a Ginevra, è cinese ma realizzata da IDEA a Torino

La Lvchi Venere sarà la prima limousine elettrica ad alte prestazioni, stando almeno a quanto promette l’azienda cinese Lvchi Auto per il suo modello pronto alla produzione già nel 2019 e atteso al debutto al Salone di Ginevra (8-18 marzo 2018). Per sapere com’è fatta esattamente dobbiamo aspettare l’evento elvetico, ma già un paio di immagini teaser ci fanno capire di che pasta è fatta la super berlina elettrica da 1.006 CV (740 kW) e 500 km di autonomia che è stata disegnata, ingegnerizzata e sviluppata a Torino da I-DE-A Institute.


Meno di 3 secondi da 0 a 100 km/h


Altri dati da supercar fanno capire che la lussuosa Lvchi Auto Venere è intenzionata ad affrontare senza timori un mercato ristretto, ma potenzialmente in forte sviluppo, come quello delle limousine elettriche sportive figlie della Tesla Model S. I cinesi in particolare sono molto interessati a questa nicchia che includerà presto la Nio Eve, la Lucid Air e la Faraday Future FF91, le ultime due americane dai capitali asiatici. La Lvchi Venere è capace di superare i 250 km/h e di accelerare da 0 a 100 km/h in meno di 3 secondi.


Misure da Mercedes Classe S


Anche se molto simile ad una concept, la Lvchi Venere sarebbe già pronta per la produzione proprio a Torino in collaborazione con I-DE-A Institute, azienda di Moncalieri ristrutturata nel 2012 e dal 2015 impegnata nello sviluppo di auto elettriche. La grande quattro porte a quattro posti e zero emissioni italo-cinese è lunga 5,11 metri e pesa la bellezza di 2.100 kg per via delle batterie da 100 kWh e nonostante la carrozzeria in fibra di carbonio, misure e pesi simili a una Mercedes Classe S. I motori elettrici sono quattro, due per ogni asse, che assicurano anche la trazione integrale.

Lvchi Venere, super berlina elettrica da 1.006 CV

Foto di: Fabio Gemelli