È durata meno di 24 ore la campagna teasing dedicata alla nuova Audi A6, ma la colpa non è certo di chi ha pianificato il lento “spogliarello” della nuova generazione della berlina degli Anelli ma di chi ne ha pubblicato anzitempo sul web le prime foto. Si tratta di appena 3 scatti, quanto basta però per studiare nel dettaglio le novità estetiche della concorrente di BMW Serie 5 e Mercedes Classe E, attesa al debutto dal vivo al prossimo Salone di Ginevra.

Espressione di famiglia

Grossa griglia single frame: c’è. Parte tutto da lì, dall’immancabile frontale di famiglia ancora più importante e con la mascherina (mica tanto “ina”) schiacciata verso il basso. Da lei partono le linee che attraversano il cofano motore e le fiancate. Linee nette che lateralmente si “perdono” per poi ricomparire a metà della portiera posteriore e continuare “lato B”, dove ci sono gruppi ottici orizzontali uniti da una sottile striscia cromata. Non c’è quindi il filo di LED che caratterizza le nuove A8 e A7. La nuova Audi A6 segue quindi lo stile delle sorelle maggiori, lasciando però per strada alcuni particolari estetici e tecnici. Le similitudini continueranno anche in abitacolo, con il doppio monitor centrale per gestire tutte le funzioni del sistema di infotainment, il clima e i settaggi dell’auto.

A Ginevra la berlina, a Parigi la station

Come detto prima la nuova generazione della Audi A6 berlina è attesa al prossimo Salone di Ginevra per il debutto in pubblico. Lì sapremo anche se (come ci si aspetta) anche lei beneficerà di un sistema mild hybrid e quali motori monterà. Per vedere invece la nuova A6 Avant bisognerà attendere con ogni probabilità il prossimo Salone di Parigi.