La GFG Style Sibylla che debutta al Salone di Ginevra è una concept elettrica disegnata da Fabrizio e Giorgetto Giugiaro che va ben oltre il semplice esercizio di stile. In primo luogo c’è la volontà di dare forma ad un’auto a zero emissioni che abbia la comodità di un SUV e la dinamica di guida di una sportiva, ma soprattutto la capacità di essere sempre connessa ad un più ampio ecosistema elettrico EnOS by Envision in cui l’internet delle cose permette al veicolo di dialogare con la rete e di essere a sua volta una fonte di energia verde. La Sibylla nasce infatti dalla collaborazione con la multinazionale cinese Envision che sviluppa e gestisce la piattaforma IoT EnOS che regola in maniera intelligente i flussi di domanda e offerta della rete elettrica.


Parabrezza scorrevole in avanti


Le forme della GFG Style Sibylla, che prende il nome sia dalla mitologica sibilla dalle capacità profetiche che dalla madre di Giorgetto Giugiaro - Maria Sibilla -, sono quelle di una futuribile quattro posti a trazione integrale ispirata ai bassi e filanti prototipi disegnati da Giugiaro negli Anni ‘60 e ‘70. Da quei primi concept derivano alcune scelte stilistiche estreme come ad esempio il padiglione interamente vetrato che rinuncia la montante posteriore per far arrivare il parabrezza fino al montante centrale. Lo stesso parabrezza scorre in avanti quando si aprono le porte anteriori, mentre aprendo le portiere posteriori si sollevano i due cristalli con apertura ad ali di gabbiano e oscurabili elettricamente come il lunotto. Su una carrozzeria lunga 5 metri e alta appena 1,48 metri spiccano poi il massiccio montante posteriore, la coda tronca e i fianchi segnati da un ampio arco nel brancardo inferiore della fiancata e una lunga nervatura sotto la linea di cintura.


Quattro sedili singoli


La meccanica della Sibylla prevede quattro motori elettrici sui due assi in grado di lasciare spazio a un abitacolo con fondo piatto privo di tunnel centrale e altri ingombri che accoglie facilmente quattro sedili singoli totalmente regolabili. Tutti i rivestimenti interni sono in pelle Poltrona Frau, mentre il volante di ispirazione aeronautica sembra più una cloche di aereo ed è dotato di controlli touchpad a portata di pollice. La plancia di forma semicircolare e concava ha schermi e monitor che forniscono informazioni sul viaggio, sullo stato della vettura e sul mondo esterno, le stesse che assieme ad altri servizi sono visibili sugli schermi pieghevoli destinati ai passeggeri posteriori. L’assenza di vetri discendenti ha permesso anche di ricavare nuovi vani portaoggetti nei fianchi interni dell’auto.

GFG Style Sibylla, il futuro elettrico firmato Giugiaro

Foto di: Fabio Gemelli