Debutterà a Ginevra la sportiva elettrica per il TCR del neonato brand di Seat

Il marchio Cupra è nato da appena una settimana e già corre veloce: la Ateca da 300 CV è pronta ad arrivare nelle concessionarie, seguita da Leon e Ibiza sotto steroidi. Il neonato brand sportivo di Seat però non si concentrerà unicamente sulla strada e guarderà anche alla pista con modelli speciali nati per correre tra i cordoli, anche nel silenzio più totale. Primo esempio in questo senso è la Cupra e-Racer, sportiva per il campionato TCR mossa solo e unicamente da un motore elettrico.

Quanta ne vuoi

La base di partenza utilizzata per la Cupra e-Racer è stata una Seat Leon che, come si vede nelle foto, è stata però completamente stravolta sopra e sotto. A muoverla ci sono 2 motori elettrici in grado di scaricare a terra, tramite le ruote posteriori, 408 CV con picco massimo (raggiungibile per un determinato lasso di tempo) di 680 CV. Ad alimentarli ci pensa un pacco batterie da 65 kWh sistemato sotto il pianale e dal peso di 300 kg. Tanti kg compensati dalla leggerezza della fibra di carbonio, utilizzata per carrozzeria appendici aerodinamiche. Un bolide in grado di schizzare da 0 a 100 in appena 3,2" e toccare la velocità massima di 270 km/h. L'autonomia precisa in chilometri non è stata comunicata ma sappiamo che, se si viaggia sempre a tavoletta, si può correre per circa una ventina di minuti. La Cupra e-Racer rappresenta una prima assoluta nei mondo delle auto turismo e potrebbe dare vita a un campionato 100% elettrico, seguendo l’esempio della Formula E. 

Le classiche

Al fianco della Cupra e-Racer nello stand Seat di Ginevra ci sono la nuova Cupra Ateca da 300 CV con la Leon Cupra, anche lei mossa dal 2.0 TFSI da 300 CV. Con loro anche alcune delle novità mostrate al MWC di Barcellona, come ad esempio la nuova integrazione con Shazam nel sistema di infotainment della Casa spagnola e il Digital Cockpit, ovvero la strumentazione 100% elettrica che debutterà sulla Cupra Ateca