610 CV, trazione integrale e carrozzeria Targa: speciale in 5 esemplari per il cinquantesimo anniversario di Italdesign

Non fa nulla per non farsi notare la variante targa della Italdesign Zerouno, chiamata Duerta che in piemontese significa "aperta", presente al Salone di Ginevra. Poiché basata sulla Audi R8 Coupé e non sulla Spyder, dietro ai poggiatesta è stata rinforzata strutturalmente per sopperire alla diminuzione di rigidità dovuta alla mancanza del tetto.

Non perde il V10 aspirato

Sotto il cofano la sostanza non cambia. Il V10 da 5.2 litri da 610 CV è lo stesso che troviamo su Audi R8 e Lamborghini Huracan, ma non si conoscono ancora i parametri relativi alle prestazioni, a parte la velocità massima che, secondo indiscrezioni, supererà i 320 km/h. Oltre al motore e alla trazione, che anche qui è integrale, sono numerosi i dettagli derivati dalla Casa dei Quattro Anelli, come il volante e la strumentazione completamente digitale.

Esclusività per pochi

La Italdesign Zerouno Duerta all'esterno è un insieme di linee tese e angoli acuti che trasmettono un'idea di sportività ed aggressività, con elementi in carbonio a contrasto con la verniciatura della carrozzeria. In materiale composito lo splitter anteriore e l'ala posteriore, così come i dettagli delle prese d'aria laterali e le finiture interne. Realizzata in soli 5 esemplari, di cui due già venduti, la Zerouno Duerta celebra i cinquant'anni di Italdesign. Lo stile, la carrozzeria e l'esclusività dei materiali ne fanno una vettura per pochi fortunati anche per quanto riguarda il prezzo; si parla infatti di circa due milioni di euro ad esemplare.

Fotogallery: Italdesign al Salone di Ginevra 2018