Ha trazione integrale, quattro motori da 1.914 CV e sarà prodotta dal 2020 in 150 esemplari

Al di qua e al di là dell’Atlantico si sta svolgendo una specie di gara a inseguimento fra chi realizzerà la prima hypercar elettrica della storia, una sfida che vede impegnata Tesla con la sua nuova Tesla Roadster e in Europa la Rimac che presenta al Salone di Ginevra la C_Two. Anche se in questo confronto virtuale a distanza si inseriscono diverse outsider cinesi come Nio e Techrules, occorre dare atto all’azienda croata di aver realizzato un’auto elettrica davvero impressionate, almeno stando ai numeri dichiarati prima del debutto del 2020. La Rimac C_Two scarica infatti a terra la bellezza di 1.914 CV sulle quattro ruote, tocca i 412 km/h e passa da 0 a 100 km/h orari in soli 1,97 secondi.

650 km di autonomia

Queste mirabolanti promesse contenute nella scheda tecnica della C_Two potrebbero diventare realtà entro un paio d’anni, cosa che Rimac è già riuscita a fare con la Concept One, la supercar elettrica distrutta in un brutto incidente da Richard Hammond durante le riprese di The Grand Tour. La strepitosa versione di preserie esposta a Ginevra vanta una potenza complessiva di 1.408 kW (1.914 CV) e 2.300 Nm di coppia fornite da quattro motori elettrici, uno per ruota a garantire la trazione integrale e il più efficace sistema di torque vectoring. La trasmissione è composta da un cambio a velocità singola davanti e uno a doppia velocità dietro, mentre la batteria al Litio Manganese Nichel da 120 kWh offre un’autonomia di 650 km nel ciclo NEDC.

150 hypercar in cerca di danarosi appassionati

L’obiettivo di Rimac Automobili è di costruire 150 esemplari della C_Two omologati per la circolazione in ogni Paese del mondo. Gli ordini sono già aperti, mentre il prezzo, non ancora ufficializzato, sarà sicuramente superiore al milione di dollari richiesti per la Concept One. Il telaio è un elemento monoscocca in fibra di carbonio con batteria integrata e tetto incollato, strutture di sicurezza in alluminio davanti e dietro e sospensioni a doppi triangoli con ammortizzatori regolabili elettronicamente e altezza da terra adattiva.

Guida autonoma di livello 4

Le forme sono quelle di una classica hypercar a motore centrale, con numerose prese d’aria, sfoghi e ali mobili per ottimizzare aerodinamica (Cx 0,28) e raffreddamento. Altri elementi distintivi di questa Rimac C_Two che è lunga 4,75 metri e alta appena 1,20 metri per un peso di 1.950 kg sono la possibilità di ricarica ultraveloce a corrente continua da 250 kW (meno di 30 minuti per l’80% della carica) ed evoluti ausili alla guida che includono la guida autonoma di livello 4 con 8 telecamere, 6 radar, 1 o 2 lidar e 12 sensori a ultrasuoni.

Rimac C_Two