Qualcosa a metà fra il lavaggio e una visita in carrozzeria, tutto eseguito da professionisti come abbiamo visto al Salone V.O. di Roma

Chissà quante volte, guardando la nostra auto abbiamo pensato che avrebbe bisogno di una rinfrescata. Però portarla dal carrozziere magari non è la soluzione giusta per costi e tempi e una semplice pulizia non ci darebbe l’effetto sperato. Ci viene incontro allora il Car Detailing, di cui abbiamo avuto una bella dimostrazione proprio al Salone del Veicolo d’Occasione. Si tratta di una via di mezzo fra una pulizia approfondita e la riverniciatura che riesce a tirar fuori quanto di bello sa ancora esprimere la nastra auto, senza intaccare la carrozzeria e con un occhio alla spesa che non guasta mai.

Un lavoro da professionisti

Per effettuare un buon car detailing che, ricordiamo, vale la pena sia per gli esterni sia per gli interni e le parti meccaniche, dobbiamo affidarci a professionisti e ai giusti prodotti. Nelle dimostrazioni che abbiamo visto al Salone VO e che hanno riguardato sia le plastiche sia le parti di carrozzeria in metallo sono stati forniti da Labocosmetica. Ma come si procede praticamente? Premesso che ne parleremo a breve su OmniAuto.it in una serie di video dedicati, il presupposto per un buon car detailing è il lavaggio,

La schiuma non basta

Ma come vi sarete accorti anche voi, magari passando la mano sulla carrozzeria dopo l’asciugatura, non tutto lo sporco viene rimosso; serve la cosiddetta “decontaminazione meccanica” che rimuove tutti gli agenti contaminanti che si “attaccano” alla nostra auto soprattutto in città come: residui ferrosi, resina e catrame che si solleva dall’asfalto. Un trattamento che si può ripetere anche per gli interni e la tappezzeria, ovviamente, con tecniche differenti e termina con la lucidatura che mira a ripristinare per quanto possibile anche piccoli graffi e abrasioni, ma soprattutto “protegge ” il più possibile le superfici dal successivo utilizzo, consentendo di mantenere la bellezza il più a lungo possibile.

Car Detailing