Il 63,2% degli italiani sotto i 35 anni preferisce toccare con mano e provare l’auto prima di acquistarla

Nell’era del digitale, di market place online sui quali si può acquistare di tutto di più, l’acquisto dell’auto rimane un affare da “offline” con le care vecchie abitudini come la visita in concessionaria e i test drive. Non solo per chi è più avanti con l’età ma anche per i millenials, ovvero uomini e donne sotto i 35 anni. A rivelarlo è uno studio congiunto rivelato in occasione di Internet Motors ed effettuato da DriveK e Subito.it che evidenzia come il 63,2% dei millenials non comprerebbe mai un’auto nuova senza prima averla vista dal vero e toccata con mano. Ben al di sopra rispetto alla media complessiva che tiene conto di tutte le età: 55,4%, mentre solo una minima parte ha risposto “molto probabilmente” (9,4) e “assolutamente si” (1,9%). Ben vengano quindi iniziative che mettono in vendita le auto su portali come Amazon, basta che poi siano visibili in concessionaria e disponibili per test drive. Molto importante è anche rivolgersi ad esperti del settore (30,1%), seguiti dai propri genitori (21,3%) e amici (14,9%). L’ultimo posto è occupato dagli influencer (4%).

Care vecchie abitudini

Una percentuale che scende (di poco) quando si parla dell’usato con il 58% che preferisce un approccio “a tu per tu” con l’auto prima di acquistarla, mentre solo il 3,3% si affiderebbe unicamente al web. Internet rimane comunque importante per una prima ricerca sui modelli più adatti alle proprie esigenze, ma non per proseguire nella trafila e finalizzare l’acquisto. Un acquisto che come prima fondamentale variabile ha il prezzo, primo punto preso in considerazione dal 90% dei millenials, il cui 47% è disposto a spendere fino a 10.000 euro, seguito da estetica (68%) e marchio (30%).

Tra emozione e ragione

Per chi ama guidare l’auto deve essere prima di tutto emozione, mentre per il 61% dei millenials rappresenta sostanzialmente un mezzo di trasporto per andare da un punto A a un punto B. Percentuale che sale al 75% quando si parla di nuovo. L’auto nuova rappresenta uno status symbol solo per il 6,6% degli intervistati mentre l’usato esprime il por, oggi non è più così, almeno tra i più giovani.

Il web per la burocrazia

La fiducia quasi incondizionata in internet ritorna quando si parla di pratiche amministrative e collaterali all’acquisto dell’auto: il 76% dei millenials sarebbe ben lieto di gestire le varie questioni burocratiche via web. La metà vorrebbe poter gestire tutto quello che riguarda eventuali finanziamenti mentre il 34% le pratiche della permuta dell’usato. Auto usata che piacerebbe poter vedere in live stream su internet (magari sulla pagina Facebook de concessionario), con il venditore disponibile a rispondere a domande in diretta.