Come la coupé monta il V6 biturbo benzina da 450 CV e 600 Nm di coppia

Se la si guarda frontalmente sembra una RS 5 Coupé, con la sua calandra single frame bella grossa, le prese d’aria spalancate come bocche e le linee nette che la attraversano in lunghezza. Poi la si guarda di lato ed ecco la sorpresa: non ci si trova davanti alla coupé bensì all’inedita Audi RS 5 Sportback. Nella scorsa generazione infatti la 5 porte di Ingolstadt non aveva ricevuto la cura ipervitaminica, riservata a coupé e cabrio. Una novità che fa la sua prima apparizione al Salone di New York per poi arrivare nelle concessionarie statunitensi a partire dall’estate, per poi sbarcare in Europa e Cina.

Più spazio

La cura estetica dell'Audi RS 5 Sportback è a base di appendici aerodinamiche con spoiler posteriore in fibra di carbonio, estrattore, doppio scarico e splitter anteriore, mentre all’interno ci sono sedili sportivi e tanti altri dettagli dedicati e dal sapore racing. Il tutto poggia su cerchi in lega da 19” o, a richiesta, da 20”. Rimane invariato lo spazio di carico: da un minimo di 480 a un massimo di 1.300 litri. C’è poi la comodità di avere le portiere posteriori che non richiedono contorsionismi per accomodarsi sul divanetto.

Vecchia e gradita conoscenza

La parte del leone la fa però il V6 biturbo di 2,9 litri da 450 CV e 600 Nm di coppia, lo stesso della RS 5 Coupé, unito al cambio automatico tiptronic 8 rapporti e alla trazione integrale. In condizioni normali la coppia è ripartita secondo lo schema 40% all’anteriore e 60% al posteriore e in determinati casi può arrivare fino a un massimo di 70% sull’asse davanti e 85% dietro. A richiesta si può avere il differenziale posteriore sportivo che distribuisce la coppia tra le singole ruote. I freddi numeri dicono 3,9” per schizzare da 0 a 100 km/h e 250 km/h di velocità massima, che diventano 280 se si opta per il pacchetto più sportivo.

Fotogallery: 2019 Audi RS 5 Sportback