Siglato il protocollo d’intesa “Città di Torino laboratorio per la guida autonoma e connessa in ambito urbano”

Automobili guidate dai computer, finalmente qualcosa inizia a muoversi anche in Italia e lo fa, tra le altre città, proprio in una delle culle dell’automobile: Torino. Pochi giorni fa è stato infatti siglato un importante protocollo d’intesa fra Italdesign e la Sindaca del capoluogo piemontese Chiara Appendino, il cui nome dice praticamente tutto: “Città di Torino laboratorio per la guida autonoma e connessa in ambito urbano”.

Prima di tutto, le infrastrutture

Affinché i veicoli possano essere guidati dall’elettronica, un’evoluzione su di essi, anche grandissima, non basta: è necessario lo sviluppo di un’infrastruttura (strade, semafori, telecamere, etc.) capace di ricevere, elaborare e inviare dati. Non a caso, il progetto firmato da Italdesign e la Città di Torino si chiama “Smart Road” e include lo sviluppo di soluzioni per la guida autonoma e connessa.

Non solo stile

Per i pochi che non lo sapessero, questo progetto fra la Città di Torino e Italdesign testimonia una volta di più il grande lavoro che viene svolto all’interno di quest’ultima, un’azienda entrata nell’orbita del Gruppo Volkswagen, eppure molto radicata nel territorio. Queste le parole di Salvatore Cieri, Membro del Consiglio di Amministrazione di Italdesign:  “Firmiamo con molto interesse questo protocollo d’intesa, che si inserisce nella nostra strategia di creare un tessuto che coinvolga Istituzioni e realtà aziendali nella ricerca sulla mobilità del futuro”.