Giorgetto Giugiaro ha disegnato la prima Lancia Delta, quella del 1979 che è entrata nella storia soprattutto grazie alle vittorie della Integrale nei rally, ma forse non tutti sanno che Pininfarina ha provato a darle nuova vita con un prototipo chiamato HIT. La Pininfarina HIT è infatti un esemplare unico su base Lancia Delta HF Integrale del 1988 con cui il Carrozziere torinese ha messo in campo tutte le sue conoscenze dell’epoca in fatto di materiali compositi e fibra di carbonio applicati ad una vettura compatta, sotto i 4 metri di lunghezza.

Carbonio, Nomex e Kevlar per il telaio

La Pininfarina HIT che vedete in queste foto (acronimo High Italian Technology) è una concept basata sulla Lancia Delta Integrale 8V, quella col 2.0 turbo da 185 CV e trazione integrale permanente basata su differenziale centrale e giunto viscoso Ferguson. Presentata al Salone di Torino del 1988, la HIT è una moderna e piacevole berlina/coupé 2+2 a due porte con telaio scatolato “a vasca” in Nomex, fibra di carbonio e Kevlar, elementi che restano a vista nei longheroni sottoporta. La carrozzeria è in fibra di vetro, con paraurti integrati e gruppi ottici di tipo innovativo per l’epoca: quelli posteriori sono nascosti sotto il vetro del lunotto, mentre quelli anteriori sono piccoli e del tipo polielissoidale, non troppo diversi da quelli montati l’anno dopo sull’Alfa Romeo SZ.

Una dieta da 235 kg

Il grande montante posteriore e la coda arrotondata fanno da contrasto al frontale appuntito con mascherina Lancia sottile e stilizzata, mentre i cerchi in lega a otto razze danno un tocco di eleganza assieme alla grafica bicolore perimetrale. Il prototipo marciante della Pininfarina HIT ha un Cx di 0,33 e un peso complessivo di appena 980 kg (235 kg meno della Delta HF) ottenuto anche riducendo al minimo gli arredi interni e lasciando parti del telaio a vista nell’abitacolo. Sempre all’interno si trovano due sedili sportivi a guscio dotati di cinture di sicurezza racing a quattro punti, due semplici sedili posteriori e una strumentazione analogica annegata in pannello inclinato abbinata a comandi su una grande console centrale.

Fotogallery: Pininfarina HIT