La Casa di Stoccarda rinuncia alla 24h di Le Mans: prenderà parte al Campionato del 2019 con la sua prima monoposto elettrica

Porsche ha ufficializzato quanto annunciato a luglio del 2017: prenderà parte al Campionato Mondiale di Formula E nel 2019, in concomitanza con il debutto sul mercato della full electric Mission E. La Casa di Stoccarda avrà così il tempo per continuare lo sviluppo della vettura in vista dell’omologazione per il prossimo anno. Formula E ormai giunta alla quarta edizione, che, per il primo anno, vede tra le tappe il circuito cittadino di Roma.

Terreno ideale per lo sviluppo

Porsche punta molto sulla Formula E, tanto da rinunciare alla partecipazione alla prossima 24h di Le Mans nella categoria prototipi per concentrarsi sullo sviluppo. La Gen 2, la vettura presentata a Ginevra che prenderà parte al campionato dal prossimo anno, avrà delle specifiche tecniche che garantiranno prestazioni e percorrenze maggiori grazie all’adozione di batterie dalla capacità incrementata rispetto alle attuali. Telaio e batteria saranno uguali per tutte le vetture di tutti i team, con quest’ultimi che avranno la possibilità di sviluppare, in maniera autonoma, il motore elettrico, l’inverter, l’impianto frenante, la trasmissione, il differenziale, le unità di controllo elettroniche e il sistema di raffreddamento.

Corsa all'elettrico

Una sfida per Porsche, che non vuole aspettare il 2020, anno previsto per la commercializzazione della Mission E, per entrare nel mondo dell’elettrico; la sperimentazione su strada dei propulsori partirà proprio in occasione del campionato, come ammesso dal Responsabile dello Sviluppo della Casa Andreas Seidl: “non possiamo aspettare e testare il nostro propulsore solo nel 2020, quando metteremo sul mercato il nostro primo veicolo completamente elettrico”.

 

Leggi anche:

Fotogallery: Porsche Formula E 2019