La berlina di lusso del brand giapponese mostra la sua imponente griglia

Un frontale con la classica calandra a clessidra, dalle dimensioni imponenti e con listelli a sviluppo verticale. È questo tutto ciò che si vede di quella che dovrebbe essere la nuova Lexus ES, attesa al debutto al prossimo Salone di Pechino. Il condizionale è d’obbligo perché nello stringatissimo comunicato stampa non si fa accenno al nome dell’auto, ma unicamente alla sua caratteristica principale “trasformare radicalmente il concetto di comfort per i clienti premium di tutto il mondo.

Addio alla GS?

Un’auto rivista da cima a fondo e nuovo capitolo per la Toyota New Global Architecture, la piattaforma globale delle 3 ellissi utilizzata anche da Prius, C-HR, nuova Auris e Lexs UX (dove prende il nome di GA-C). La nuova Lexus ES da noi in Europa dovrebbe prendere il posto della GS, ormai prossima alla pensione e sarà naturalmente mossa anche da una motorizzazione ibrida, con la possibilità (in alcuni mercati) di scegliere anche il V6 di 3,5 litri da 301 cv accoppiato con un cambio automatico a 8 rapporti.

Lusso al massimo

Date le premesse annunciate nel comunicato stampa per la nuova Lexus ES ci si aspetta lusso a volontà e cura maniacale per materiali e assemblaggi, necessari per contrastare una concorrenza che di nome fa Audi A6, BMW Serie 5 e Mercedes Classe E. Oltre a questo ci saranno anche tante nuove tecnologie di assistenza alla guida.