Il “suv-coupé” 100% elettrico, annunciato per il 2020, secondo alcune speculazioni potrebbe arrivare prima

Questa volta Tesla gioca, anzi giocherebbe, d’anticipo: dopo aver mancato l’appuntamento, e non di poco, con l’inizio della produzione promesso di Model 3 e Model X, starebbe cercando di anticipare quella della Model Y. Il SUV con il tetto e lo portiere posteriori da coupé (tipo BMW X4, per capirci) è infatti atteso per il 2020, ma secondo alcune fonti potrebbe arrivare prima, a novembre 2019.

Oltre alle solite speculazioni potrebbe esserci qualcosa di più

Ok, direte voi: “E’ la solita strategia di quel maestro della comunicazione che si chiama Elon Musk”. Affermazione corretta, sospetto lecito. Trattandosi però del quinto modello della storia Tesla dopo Roadster, Model S, Model X e Model 3, certi meccanismi potrebbero essere ormai consolidati e, perché no, magari questa volta le tempistiche potrebbero essere rispettate. Non solo: la storia e la credibilità di Musk e di Tesla non sono certo legate al mese prima/mese dopo di inizio della produzione di un determinato modello, ma è anche vero che un po’ più di scetticismo, attorno alle due entità, si tocca con mano un po’ a tutti i livelli; tra gli addetti ai lavori, gli appassionati, i fan e i detrattori.

Un modello fondamentale

Altro “indizio” che depone a favore di un inizio anticipato - o quanto meno non ritardato - è l’importanza fondamentale della Model Y per Tesla, visto che potrebbe diventare uno dei modelli più venduti della Casa, se non il best seller assoluto. Come andranno le cose lo sapremo tra un anno e mezzo circa, nel frattempo rimaniamo in attesa di effettuare la prova della Model 3 anche in Europa, dopo che l’hanno fatto i nostri colleghi negli USA

Tesla Model Y, il crossover per chi non lo vuole maxi