Destinazione Futuro, un nuovo appuntamento settimanale per parlare della mobilità che sta cambiando con esperti del settore intervistati da Alessandro Lago

Come sarà l'automobile del futuro? E' una domanda che interessa tutti perchè tutti abbiamo bisogno di muoverci. Dal cittadino comune, alle aziende, passando per gli appassionati, ma anche per noi addetti ai lavori. La nostra sfida, in quanto comunicatori e giornalisti, è complessa perchè si tratta di anticipare, raccontare e spiegare qualcosa che non è ancora del tutto definito. Perchè la mobilità del futuro rappresenta un'esplorazione a tratti ignota, complicata, eterogenea di un mondo nato da quattro ruote, vissuto per spostarsi, evoluto per piacere e diletto, ma che ora sta affrontando temi riguardanti sfere come la morale, l'efficienza, la sostenibilità, la sicurezza.

Nuove realtà

L'automobile, concetto comune ma autonomo nella sua rappresentazione, si sta fondendo e plasmando sempre più con il nostro viver comune. Dunque concetti come car sharing, guida autonoma o auto elettrica sono diventati sempre più d'uso comune, pur essendo davvero complessi da spiegare. Rappresentano un mondo da studiare e vivere nei prossimi quindici-venti anni. Abbiamo pensato che il modo migliore per approcciarci, fosse valutarlo secondo una nuova prospettiva. Quella di esperti, di persone in grado di aiutarci per motivi differenti, a cercar di capire da varie prospettive questo mondo in questo format chiamato "Destinazione Futuro".  

Leggi anche:

 
 

La via dell'elettrico

E considerando anche la prossimità di uno degli eventi più importanti per la città di Roma, quella Formula E veicolo, nel vero senso della parola, di una futura mobilità elettrica, non potevamo che iniziare parlando di auto elettrica. Davvero è una realtà così presente nella vita di tutti i giorni o è ancora un qualcosa di marginale? Quali sono i fattori che la potranno rendere una scelta ad uso e consumo di tutti i giorni? Saranno scelte percorribili queste o utopiche? Insomma: l'auto elettrica è pura moda contemporanea, è un'onda da cavalcare, oppure detterà il passo della mobilità del futuro? Abbiamo deciso di interpellare un professore, per confrontarci, parlare a bordo, guarda caso, di una Volkswagen e-Golf. Il suo nome, Fabio Orecchini, Professore ordinario Macchine e Sistemi per l’Energia e l’Ambiente all'Università degli studi Guglielmo Marconi; tra le specializzazioni, anche quella su mobilità sostenibile ed energie rinnovabili. Tra le sue pubblicazioni più recenti? "Use of bio-methane for automotive application: primary energy balance and well to wheel analysis".

Guarda anche:

Quando l'auto elettrica sarà per tutti? | Destinazione futuro