Non solo telaio: la sportiva giapponese condividerà con BMW anche il motore, il 3.0 6 cilindri turbo benzina

L’abbiamo vista, vestita da corsa e con evidenti eccessi da concept, allo scorso Salone di Ginevra. Da lì la nuova Toyota Supra è tornata in Giappone per nuovi test che la porteranno (finalmente) a diventare un’auto di serie. L’appuntamento per il lancio definitivo potrebbe essere in autunno al prossimo Salone di Parigi, chissà. Quello che sappiamo è che la nuova incarnazione della sportiva delle 3 Ellissi parlerà anche tedesco: il suo telaio infatti è stato sviluppato in collaborazione con BMW che lo utilizzerà per la nuova Z4. Da Monaco di Baviera, la conferma è di pochi giorni fa, arriverà poi anche il motore.

6 in linea

Come rumoreggiato infatti sotto il lungo cofano della nuova Toyota Supra gireranno i 6 cilindri in linea BMW, naturalmente accordato alle ruote posteriori tramite un cambio doppia frizione. La notizia, intercettata dai colleghi di AutoRAI, giunge direttamente dalla bocca di Gerald Killman, Vice Presidente del reparto ricerca e sviluppo di Toyota. Nonostante i tanti punti in comune tra Supra e Z4, le 2 auto si guideranno in maniera ben differente. Nonostante poi l’abitudine portai ad associare Toyota a motorizzazioni ibride, la nuova generazione della Supra sarà un’eccezione: niente elettrificazione per lei ma solo e unicamente motori endotermici a spingerla.

Niente doppioni

Sempre Killman ha sottolineato che non ci sarà l’effetto Toyota GT86Subaru BRZ: giapponese e tedesca saranno auto ben distinte tra loro. Rispetto alla GT86 poi la Supra sarà non solo più potente ma anche ben più costosa e meglio rifinita. Non sarà quindi un modello “cheap”, per dirla come gli anglofoni.

Fotogallery: Toyota GR Supra Racing