Grazie a speciali cristalli con led integrati anche gli ipovedenti potranno "ammirare" il paesaggio dall'auto

L’idea di trasformare il finestrino dell’auto in uno schermo era già venuta nel 2012 a Chevrolet, nell’ambito di un progetto a scopo dimostrativo che portò il vetro laterale di un’auto a diventare una sorta di tablet. In quel caso però si trattava di un esperimento a scopo ludico. Ford ha ripreso il concetto e lo ha modificato in chiave etica, lavorando ad un finestrino in grado di far “vedere” l’ambiente circostante alle persone cieche e ipovedenti.

Con gli impulsi “vedi” all’esterno

Il progetto si chiama Feel the View (Senti il Panorama) ed è stato messo a punto dalla casa automobilistica insieme all’azienda romana Aedo, una società che lavora insieme a persone con handicap visivi e sviluppa strumenti o interfacce utilizzabili senza la vista, basati cioè su piccole vibrazioni dello schermo o suoni. Lo stesso principio è alla base di Feel the View: la persona ipovedente dovrà muovere la mano sul vetro e sentire attraverso i polpastrelli gli impulsi che la aiuteranno a ricostruire l’immagine del paesaggio.

Immagini in scala di grigio

Feel the View funziona grazie ad una fotocamera, ad un software e ad uno speciale vetro. L’immagine del paesaggio viene catturata e convertita in una fotografia in scala di grigi, poi riprodotta sul vetro del finestrino grazie ad una serie di led. Il finestrino trasmette delle piccole sollecitazioni al dito e ciò permette di ricostruire il paesaggio all'esterno: minore sarà la gradazione del grigio, stando a quanto rivelato dalla Ford, e maggiore sarà l'intensità della vibrazione. I dettagli dovrebbero rivelarsi piuttosto ben marcati, se è vero che i led promettono 255 livelli di intensità. Ford non ha rivelato se intende far arrivare questa novità sulle auto in vendita.