Si è concluso il concorso di Ricaricar, con in palio quei 600 km da affrontare con la propria metà.

Si dice che "Non è tanto la destinazione, quanto il viaggio in se e per se a contare". Per noi, che del mondo dell'automobile ne abbiamo fatto un mestiere, è un po' uno stile di vita, oltre che una passione. Chilometri e chilometri da percorrere alla rincorsa di un'emozione, di una meta, ma non solo. Perchè anche se spesso ci raccontiamo come l'auto non sia solo un "semplice" mezzo di trasporto, spesso diviene proprio il nostro baluardo, il nostro vettore per raggiungere la nostra meta...o metà.

Un concorso su strada

E' stato questo il principio alla base del nostro concorso Ricaricar: raccontare i chilometri che avete affrontato nella vostra vita: lavoro, divertimento o amore. Ci avete inviato le vostre fotografie, raccontato i vostri aneddoti, mettendo talvolta a nudo le vostre storie insieme a noi. Già, perchè Giuliano prima ed Andrea poi, hanno voluto regalare il buon esempio, raccontando i loro trascorsi. Il primo, giunto dal Piemonte, il secondo dall'Emilia Romagna, giunti a Roma per inseguire il loro sogno di tester automobilistici. 
 

Leggi anche:

600 km di premio

I premi in palio? Tanti, a cominciare da quei 600 chilometri con una Jeep Renegade. Un premio che vive dell'anima di questo concorso. Di tutti i chilometri raccontati per raggiungere la propria metà, questi 600 di premio sono l'ideale premio per continuare a vivere quella strada da pecorrere giorno dopo giorno. Un primo premio andato a Ciro da Pianura, la cui storia ha davvero colpito fino in fondo. Storie, come quella di Pierina da Verona, vincitrice del secondo premio in palio: 300 km da affrontare e vivere fino in fondo con una Mercedes Classe A. Ed infine il terzo, una videocamera di sicurezza per auto, vinto da Giuseppe di Reggio Calabria. Un successo il concorso Ricaricar, pronto a rilanciarsi in futuro. Perchè alla fin fine, non c'è niente di più bello che raccontare quelle storie che fanno da corollario ad un viaggio in macchina, chilometro dopo chilometro.