Uber ha deciso di interrompere i test con le auto a guida autonoma in Arizona. La decisione arriva a poco più di due mesi dall’incidente che a Tempe, un sobborgo di Phoenix, ha causato la morte della 49enne Elaine Hezberg investita da una Volvo XC90 sperimentale della flotta a guida robotizzata. L’interruzione segue lo stop immediato deciso subito dopo il tragico impatto e il divieto imposto dal governatore dell’Arizona, Doug Ducey, e si allarga all’intero programma di Uber sulla guida automatizzata che verrà limitato ad alcune aree di Pittsburgh (licenze permettendo) e due città in California.

Uber crede ancora nella guida autonoma

Un portavoce dell’azienda di San Francisco interpellato dalla Reuters ha però sottolineato che non si tratta di un addio di Uber alla guida autonoma, tecnologia in cui continua a credere e con cui intende “tornare su strada in un prossimo futuro”, ma di uno stop fino all’estate quando verranno utilizzate “meno vetture su tratte più brevi”. L’intento di Uber e del suo nuovo ad Dara Khosrowshahi è ovviamente anche quello di riallacciare buoni rapporti con le autorità locali che continuano a non concedere le necessarie licenze di sperimentazione su strade pubbliche per le auto a guida autonoma.

Leggi anche:

In attesa del rapporto NTSB

A dare un ulteriore segnale di opposizione da parte del governatore Ducey c’è anche l’ultima dichiarazione del suo portavoce, Daniel Scarpinato: “Il governatore si è sempre concentrato sul bene dei cittadini dell’Arizona e della sicurezza pubblica, non su quello di una qualunque azienda privata”. Prima di rimettere in strada le sue auto robot sperimentali Uber vuole poi conoscere almeno il rapporto preliminare dell’NTSB sull’incidente mortale dello scorso 18 marzo, atteso entro un paio di settimane, sempre secondo Reuters.

Volvo Uber XC90

Gli ex dipendenti verso nuovi lavori

Nel frattempo la società americana che fornisce un servizio di noleggio tramite app ha assunto l’ex presidente del consiglio di amministrazione dell’NTSB come consulente per la sicurezza e oltre a redistribuire le XC90 in altre città, assisterà i suoi dipendenti rimasti disoccupati per cercare un nuovo lavoro.

Fotogallery: Volvo XC90, la flotta di Uber a guida autonoma