La casa bavarese è la prima non cinese ad ottenere la licenza per effettuare sperimentazioni su strada a Shanghai

Sapevate che in Cina le strisce pedonali indicano sulle strade extra-urbane la distanza minima da mantenere rispetto all'auto che precede? Questo "dettaglio" non è di poco conto al momento di affinare il software per la guida autonoma, visto che gli algoritmi messi a punto dove questa regola non è contemplata potrebbero creare una situazione di conflitto e mandare in tilt il sistema. Per BMW è fondamentale quindi aver ottenuto il via libera per effettuare a Shanghai i test dell'autopilota su strada, un "privilegio" concesso finora a nessun altro costruttore straniero, visto che la casa tedesca potrà testare i software in quello che diventerà fra i primi mercati al mondo per le auto senza guidatore.

Su strada ma dentro un percorso

La licenza è stata concessa alla BMW il 14 maggio, stando a quanto rivelato dall'azienda, che inizierà i test a maggio con due esemplari della Serie 7 e ne aggiungerà altri cinque entro fine anno. L'autorizzazione si chiama ShanghaiIntelligent Connected Autonomous Driving Test License e viene messa a disposizione dall'Intelligent Connected Vehicle Road Test Promotion Team, un organo composto dall'ufficio di sicurezza di Shanghai, dalla commissione per i trasporti e da quella per l'economia e l'informatizzazione. I tecnici della casa tedesca non potranno effettuare liberamente test su strada pubblica, come avviene negli Stati Uniti, ma dovranno restare all'interno di un'area di prova sulle strade di Shanghai.

Leggi anche:

Per la guida autonoma di livello 4

La casa tedesca lavorerà a Shanghai sulle tecnologie per la guida autonoma di livello 3 e 4, che sono quelle di terzultimo e penultimo livello prima della guida totalmente automatizzata (dove non ci sarà bisogno dell'uomo): il software di livello 4 può gestire infatti anche le situazioni di emergenza e non ha bisogno dell'intervento umano, a differenza di quello che avviene oggi, ma il guidatore può in ogni caso riassumere i comandi dell'auto. Le informazioni raccolte nel corso dei test su strada verranno elaborate da un team di 60 persone, creato dalla BMW apposta per la divisione sulla guida autonoma di Shanghai.