Ecco le foto dal circuito francese di Miramas, dove ingegneri e collaudatori stanno mettendo a punto il telaio

Il calendario di BMW da qui a fine 2018 è ricco di giorni cerchiati in rosso, visto che prima del prossimo anno verranno lanciate le Serie 8 Coupé, X7 e Z4. Il primo modello a debuttare sarà quasi certamente la spider, attesa, secondo anticipazioni, al Concorso d'Eleganza di Pebble Beach (26 agosto), che in questo periodo sta effettuando nuovi test di sviluppo nel sud della Francia ed è alle prese con la messa a punto delle sospensioni, un genere di collaudo fondamentale per un modello rivolto agli amanti della guida. La casa tedesca ha voluto documentare questa fase dei lavori con una galleria di nuove immagini, che mettono in risalto nuovi particolari dell'auto.

Cofano lungo e tetto in tela

In termini di stile la terza generazione della BMW Z4 non sembra discostarsi dalla Z4 Concept, il prototipo mostrato ad agosto 2017 che ha anticipato per grandi linee il look della sportiva tedesca, erede di gloriose spider come ad esempio le BMW 507, Z1 e Z3. Sul nuovo modello troveremo quindi il cofano arcuato, fari anteriori rastremati e fiancate molto scavate, in particolare nei pressi della ruota anteriore, dov'è ricavata una profonda feritoia con funzione aerodinamica. Il posteriore dovrebbe rivelarsi invece più convenzionale, ma questo non significa che sia privo di personalità: lo dimostrano i lunghi fanali a forma di L e il piccolo alettone integrato nel portello del baule. Il tetto sarà in tela.

Leggi anche:

Per il telaio obiettivo rigidità

La BMW Z4 2018 sarà basata su una meccanica costruttiva a trazione posteriore, la stessa che verrà utilizzata per la nuova Toyota Supra. I tecnici della casa tedesca hanno messo a punto il telaio con l'obiettivo di renderlo quanto più rigido possibile, tanto è vero che il coefficiente di rigidità torsionale risulta del 30% superiore rispetto alla scorsa generazione, stando a quanto scritto da Autocar, che ha già avuto modo di guidare l'auto: ciò significa che la Z4 dovrebbe rivelarsi più precisa e sincera da guidare. Le sospensioni anteriori saranno McPherson e dietro ci sarà un Multilink, non mancherà il differenziale posteriore a slittamento limitato e il motore di punta sarà il 3.0 della Z4 M40i, l'esemplare fotografato, che dovrebbe sviluppare circa 350 CV. Al pari dell'ultima edizione non dovrebbe esserci la sportiva M.

Nuova BMW Z4 foto collaudi in Francia