Far tornare a risplendere l'abitacolo e propulsore? Vi spieghiamo come fare con amore e vapore!

Nella prima puntata abbiamo imparato a conoscere il termine Car Detailing, l’arte di prendersi cura della propria auto, ricondizionarla in ogni sua parte per riportarla così al suo antico splendore. Non importa che si tratti di una super sportiva, un’anonima utilitaria o un’auto d’epoca: tutte meritano la cura approfondita che solo il Car Detailing può dare. Così, dopo esserci presi cura della carrozzeria della nostra Alfa Romeo Spider, ora tocca all’abitacolo e al vano motore.

Auto al vapore

Per prima cosa ci si affida a uno classico aspirapolvere, per eliminare anche la minima briciola o impurità, per poi imbracciare la pistola a vapore (saturo) a 180°: grazie all’utilizzo combinato di prodotti specifici non c’è moquette sporca che possa resistere. La parola d’ordine è sempre dolcezza: l’aggressività qui non premia. Essere delicati e utilizzare gli attrezzi giusti è la strada per il lavaggio perfetto. La soddisfazione di vedere la pelle tornare a splendere e riacquistare la sua naturale morbidezza, o le plastiche risplendere abbandonando quella patina opaca che da tempo le ricopriva è una soddisfazione impagabile. Attenzione però, diffidate da quei prodotti che rendono tutto lucido: prodotti più oleosi e grassi infatti tendono a catturare prima polvere e sporco.

Sotto il cofano

Lontano dagli occhi, lontano dal cuore? Il detto non vale quando si parla di Car Detailing perché, anche se il vano motore rimane praticamente al riparo dalla vista, è sempre bene prendersi cura anche di lui, fosse solo per evidenziare eventuali perdite. Anche in questo caso torna protagonista il vapore, assieme a un prodotto specifico. Poi via di pennello e panno i microfibra per far sembrare il motore come appena uscito dalla fabbrica.

Leggi anche:

Fotogallery: Car Detailing, amore e vapore per interni e vano motore