Il T8 Twin Engine ora è più potente (415 CV) e consuma di meno. All’esterno spiccano i dettagli dorati

Manca una settimana alla presentazione della nuova Volvo S60, la berlina svedese che porterà al debutto la linea Polestar Engineered sviluppata in collaborazione con Polestar, divisione della casa svedese specializzata in elettriche ad alte prestazioni. Il nuovo allestimento andrà a collocarsi sopra l’attuale top di gamma R Design e sarà dedicato esclusivamente alle T8, le ibride plug-in della gamma, a partire proprio dalla serie 60 (V60 e XC60). Comprende sia modifiche meccaniche che estetiche: aumenta la potenza, diminuiscono i consumi e il design ne beneficia con dettagli racing più accattivanti come, per esempio, i terminali di scarico cromati neri.

L’oro è il suo colore

L’oro è il colore che identificherà le Volvo Polestar Engineered; lo troviamo su molti dettagli interni ed esterni, a partire dalle pinze freno Brembo monoblocco che si vedono attraverso i cerchi diamantati a cinque razze. Entrando l’atmosfera è premium come ci si aspetta da una Volvo top di gamma: i sedili elettrici sono comodi e contenitivi e abbracciati da cinture di sicurezza dorate.

2019 Volvo S60 Polestar Engineered
2019 Volvo S60 Polestar Engineered

Più potenza, minor consumo

Le modifiche più importanti però non sono visibili all’occhio: le sospensioni mutilink incorporano ammortizzatori Ohlins regolabili elettronicamente - le stesse componenti che troviamo sulla coupé sportiva Polestar 1 - e il propulsore T8 Twin Engine passa da 400 a 415 CV. La coppia aumenta di 30 Nm raggiungendo quota 670 e aggiornamenti software migliorano consumo di carburante ed emissioni e rendono più precisa la selezione dei rapporti del cambio.

Leggi anche:

Gallery: Volvo S60 Polestar Engineered