Da 150 a 160 CV e da 180 a 190 CV per il 2.2 turbodiesel del SUV del Biscione

È ancora presto per vedere il restyling dell’Alfa Romeo Stelvio, ma ciò non vieta al SUV del Biscione di aggiornarsi per quanto riguarda i motori turbodiesel, ora rispettosi delle normative europee anti inquinamento Euro 6d-TEMP. Vale a dire che le unità a gasolio vengono ora testate secondo il nuovo ciclo di omologazione WLTP ed RDE.

Più potenti

Le novità non si fermano al ciclo di omologazione ma riguardano anche le potenze: il 2.2 turbodiesel dell’Alfa Romeo Stelvio infatti guadagna 10 CV sulle versioni da 150 e 180 CV, che arrivano così rispettivamente a 160 CV e 190 CV. Rimangono invece invariati il turbodiese da 210 CV e i motori a benzina: 2.0 da 200 e 280 CV e il V6 2.9 da 510 CV della Stelvio Quadrifoglio. Tornando ai diesel, il 160 CV si può avere unicamente con l’allestimento Business e con la trazione posteriore, al prezzo di partenza di 47.450 euro. Di serie sono previsti, tra le altre cose, infotainment con monitor da 6,5”, cerchi in lega da 17”, cruise control adattivo, frenata d’emergenza con riconoscimento dei pedoni e climatizzatore automatico bizona. Il 2.2 turbodiesel è invece disponibile sia con la trazione posteriore sia con l’integrale Q4 e con tutti e 3 gli allestimenti: Business, Super ed Executive. Il listino prezzi parte dai 49.950 euro della Business a trazione posteriore e arriva ai 55.650 euro della Executive a trazione integrale.

Cambiano i consumi

Il passaggio ai dati di omologazione WLTP porta in dote un cambiamento per quanto riguarda il dichiarato di consumi ed emissioni. Ad esempio l’Alfa Romeo Stelvio col 2.2 turbodiesel da 160 CV dichiara 5,3 litri di benzina ogni 100 km con i cerchi da 17”, 5,5 se invece monta cerchi da 18 o 19”. Precedentemente dichiarava 4,7 litri ogni 100 km percorsi.

Leggi anche:

Fotogallery: Alfa Romeo Stelvio