Presenti oltre 900 equipaggi provenienti da 16 diverse nazioni

Dal 1957 è uno dei simboli della cultura automobilistica nostrana, con migliaia di estimatori sparsi su tutto il pianeta. Stiamo parlando della Fiat 500, protagonista del weekend appena trascorso del 35° Meeting Internazionale di Fiat 500 Storiche tenutosi a Garlenda, in provincia di Savona. Circa 900 equipaggi provenienti da 16 nazioni hanno raggiunto la costa ligure con le loro bicilindriche per condividere storie e esperienze legate alla piccola Fiat, sfilare alla parata e partecipare alle visite culturali e enogastronomiche organizzate per l’occasione.

La 500 nel sociale 

Trentacinquesima edizione del Meeting molto speciale, che ha festeggiato il cinquantesimo anniversario della popolarissima e più comoda 500 L e i sessant’anni della rarissima 500 Sport del 1958. Quale occasione migliore di un raduno internazionale per festeggiare inoltre l’impegno nel sociale del Fiat 500 Club Italia, testimonial di Unicef e di La Band degli Orsi - associazione di volontariato che opera all’Ospedale Pediatrico Gasilni di Genova -; presente anche la Polizia Stradale, che ha ribadito l’importanza di un comportamento sicuro alla guida in questo periodo di avvicinamento alle vacanze estive.

Un weekend tra mare e collina 

Nel corso del weekend le centinaia di 500 Storiche hanno toccato dodici tra i comuni più belli della Liguria: Alassio, Albenga, Laigueglia, Cosio d’Arroscia, Pieve di Teco, Vessalico, Castelvecchio, Castelbianco, Zuccarello, Ceriale, Garlenda e Villanova d’Albenga. La piccola Fiat è stata la protagonista anche de “Una Tavolozza di 500”, collettiva di pittura con quadri provenienti da ogni angolo d’Italia con protagonista la mitica 500, alla quale è stata dedicata anche una scultura in alluminio dall’artista francese Stéphane Cipre. Tutte le opere rimarranno in esposizione fino al 29 settembre 2018 al Museo Multimediale della 500 “Dante Giacosa”.

Leggi anche:

Fotogallery: Fiat 500 Storiche, il 35° Meeting Internazionale