La Mazda2 si aggiorna, cambia nei propulsori ma non nel look. L’aggiornamento del 2018 della piccola della Casa di Hiroshima infatti interessa unicamente ciò che c'è sotto il cofano: dall’elenco spariscono i diesel dagli ottimi consumi (la Mazda2 per mesi è stata in testa alla classifica consumi del Roma-Forlì dei diesel più parchi) ormai non più cercati su modelli del suo segmento (il B), a favore di tre nuovi benzina Euro 6d TEMP. La Mazda2 2018 rientrerà quindi nei limiti di inquinamento che entreranno in vigore a settembre 2019 con un anno di anticipo.

Tre livelli di potenza

Mazda compie quindi un passo drastico e fondamentale nell’ottica della mobilità urbana del prossimo futuro, lasciandosi dietro le unità a gasolio. Per quanto riguarda invece i nuovi benzina SKYACTIV-G sono 3 le potenze disponibili: 75 CV con cambio manuale, 90 CV con cambio manuale o automatico e 115 CV con cambio manuale e sistema i-ELOOP per il recupero dell’energia in frenata. In concessionaria già da luglio, la Mazda2 2018 viene offerta con prezzi a partire da 14.050 euro.

Pacchetti più ricchi

Le classiche linee del KODO design rimangono invariate, con le modifiche che interessano - oltre ai motori - gli equipaggiamenti di serie, già ricchi prima del restyling. Le versioni entry level equipaggiate con il Comfort Pack (cerchi in lega da 15”, sensori di parcheggio e fendinebbia) aggiungono ora i vetri posteriori oscurati, mentre le top di gamma Exceed guadagnano, oltre a fari full LED, clima automatico, sistema di frenata di emergenza, sensori luce/pioggia, sistema infotainment MZD Connect e cerchi in lega da 16” la videocamera posteriore e l’accesso senza chiave. Le novità riguardano anche la selleria interna, con la scelta allo stesso prezzo tra pelle nera o bianca.

Leggi anche:

Fotogallery: Mazda2: cambiata in molti dettagli, dal look alla tecnologia