Storia di una delle aziende più famose tra i bambini di ieri, ma anche di oggi, capace di far nascere in molti la passione per le auto.

Alla fin fine è tutta una questione di sogni e di chi, quei sogni, riesce a trasmetterli. Per chi è nato con quell'insana voglia di velocità su quattro ruote, la vista di un regalo da parte di un genitore o un parente, si riconduceva in ore e ore passate a cercar di far correre quanto più velocemente possibile quelle macchinine su un tappeto, un pavimento divenuto circuito, o su una di quelle piste arancioni con giri della morte e curve paraboliche. Non era ancora l'epoca dei videogiochi, se non dei cabinati, e le emozioni, spesso, si mostravano su quei lunghi nastri arancioni che invadevano camerette, salotti e giardini. 

Si, parliamo di quel mondo figlio delle Hot Wheels, simbolo di tante generazioni cresciute con un mito su quattro ruote che continua a far sognare nonostante il passare degli anni. Cinquanta per l'esattezza, a ben vedere, con un fascino rimasto intaccato negli anni ma comunque ancora immutato. Ed allora, ecco alcuni momenti fondamentali di un'azienda capace di realizzare sogni per quei ragazzini di ieri divenuti adulti innamorati del volante oggi. 


Leggi anche: