Classe 1955, già membro del Cda del Cavallino Rampante, è stato a capo di Philip Morris

Louis Carey Camilleri, sostituisce Sergio Marchionne alla guida della Ferrari mentre John Elkann è il nuovo presidente della Casa di Maranello. L'ufficialità delle nomine segue l'avvicendamento al vertice del Gruppo FCA in favore di Mike Manley, ed è l'estrema conseguenza dell'aggravarsi delle condizioni di salute del sessantaseienne manager italo canadese. Questo la nota ufficiale diffusa dalla Ferrari:

Il Consiglio di Amministrazione di Ferrari NV (“Ferrari”) (NYSE/MTA: RACE) riunitosi oggi ha appreso con profonda tristezza che il Presidente e Amministratore Delegato Sergio Marchionne non potrà riprendere la sua attività lavorativa. 

Il Consiglio è vicino a Sergio Marchionne e alla sua famiglia, ed è grato per lo straordinario contributo che ha dato in questi anni alla guida della Ferrari.

Il Consiglio ha quindi deciso di nominare John Elkann Presidente e proporrà all’assemblea degli azionisti, che verrà convocata prossimamente, di nominare Louis C. Camilleri Amministratore Delegato.

Il Consiglio ha anche attribuito a Louis Camilleri le deleghe necessarie a garantire continuità all’operatività dell’azienda.

Chi è Camilleri

Classe 1955, Sessantatre anni, nato ad Alessandria d'Egitto da una famiglia maltese, una laurea in Economia a Losanna, è stato uomo Phillip Morris, presidente del Gruppo, fino al 2014, dopo esser entrato nel lontano 1978. Inoltre, è stato anche uomo Kraft-Foods, facente sempre capo alla Morris. Parla fluentemente italiano, tedesco e francese. Tra le sue doti riconosciute, sicuramente quella della mediazione. Infatti, lo troviamo tra gli uomini che hanno condotto la negoziazione sulle cause intentate contro la Philip Morris per danni da fumo. Cause che hanno poi comportato effettivamente un percorso, ancora embrionale, ma comunque intentato, da parte della stessa Philip Morris per un cambio di rotta sul proprio core business futuro. 

Successione al Cavallino Rampante

Un profilo sicuramente eterogeneo quello di Camilleri. Il maltese ha esperienza nel campo delle telecomunicazioni: membro del consiglio di amministrazione della messicana America Movil, quarto operatore di telefonia mobile al mondo, e di Telmex International, holding di telecomunicazioni sempre messicana. Padre di tre figli e divorziato dal 2004, è lui, uomo anche di basso profilo mediatico, non troppo avezzo alle telecamere, il successore di Sergio Marchionne alla guida di Maranello.

Leggi anche: