Quest’anno il tour ha portato le Huracan e le Aventador sulle più belle e spettacolari strade della Norvegia, tra ghiacci e cascate

Trollstingen e Geirangerfjord. Non lasciatevi ingannare dalla difficile pronuncia, perché stiamo parlando di una delle strade più belle del mondo e dello spettacolare fiordo patrimonio dell’UNESCO dal 2005, entrambi da visitare almeno una volta nella vita. Ancora meglio se con una sportiva italiana aspirata. È partita da qui, dalla Norvegia, la Lamborghini Avventura 2018, il tour annuale organizzato dalla Casa di Sant’Agata che, dopo Andalusia e Transilvania, tocca le strade mozzafiato del Nord Europa. Un percorso di circa 500 km tra mare, montagne, insenature, cascate e ghiacciai, in compagnia di sette tra Aventador e Huracan che con i loro V10 e V12 hanno contribuito allo spettacolo con una colonna sonora d’eccezione.

Il percorso

Il convoglio è partito da Alesund, pittoresca cittadina che sorge su una miriade di isole collegate fra loro, in direzione della Trollstingen, la strada dei Troll, con i suoi 11 tornanti che si inerpicano tra le cascate lungo il fianco della montagna. Passando per Valdall hanno raggiunto poi il Geirangerfjord, patrimonio dell’UNESCO e annoverato tra i posti più spettacolari del mondo. Ultima tappa il monte Aksla, dopo essere passati per lo Jostedalsbreen, il ghiacciaio più grande d’Europa.

Leggi anche:

Tutta la gamma V10 e V12 

Una Huracan Spyder (V10, 610 CV), una Huracan Performante e una Huracan Spyder Performante (V10, 639 CV), una Aventador S e una Aventador S Roadster (V12, 740 CV): questi i cinque Tori, scortati da due Aventador S di supporto, che hanno movimentato le suggestive strade norvegesi i primi di luglio. Un appuntamento che la casa di Sant’Agata organizza ogni anno negli angoli più belli del mondo; due terzi della gamma Lamborghini, tutte insieme, in attesa della Urus

Fotogallery: Lamborghini Avventura 2018