Coprirà il 72% del territorio cittadino e verrà attivata il 21 gennaio 2019

Era il 2012 e tra numerose proteste a Milano venne aperta l’Area C, un anello con accesso controllato, a pagamento per alcuni e vietato ad altri, esclusi elettrici e ibridi. Un “esperimento” che a 6 anni di distanza non sembra intenzionato a lasciare, bensì a raddoppiare con l’apertura dell’Area B, un anello ancora più ampio (coprirà circa il 72% del territorio cittadino) vietato a tutti i veicoli più inquinanti.

Anno nuovo, Area nuova

Come avviene già per l’Area C, anche l’Area B di Milano utilizzerà telecamere poste nei varchi per rilevare l’ingresso di tutti i veicoli. Telecamere che verranno accese il 21 gennaio del 2019 e, quando a regime, saranno 185 in altrettanti varchi. L’area B sarà attiva dalle 7.30 alle 19.30 da lunedì a venerdì e vieterà l’ingresso a mezzi benzina Euro 0 e diesel Euro 0,1,2,3, mentre a partire da ottobre 2019 verranno estromessi anche i mezzi diesel Euro 4 (immatricolati da privati). Dal 1 ottobre 2020 lo stop riguarderà i diesel euro 4 immatricolati merci mentre nel 2022 non potranno circolare i diesel Euro 5 privati (dal 2024 quelli per trasporto merci) che, come ricorda l’assessore alla Mobilità e Ambiente Marco Granelli “Che producono da soli il 25% di tutto l'NOx prodotto dai veicoli”.

Leggi anche:

La multa dopo l’avvertimento

Granelli sottolinea come il provvedimento sia una misura efficace, equa e trasparente.  

  • Efficace perché va a colpire il 65% delle emissioni emesse dai veicoli.
  • "Equa perché chi usa pochissimo la vecchia macchina potrà ancora farlo il sabato o la domenica e per 5 gironi all'anno che diventano 25 per chi abita a Milano; e gli altri che vengono da fuori Milano potranno accedere agli 11 parcheggi di interscambio che sono fuori area B, lasciare lì l'auto e utilizzare la metropolitana.
  • "Trasparente perché chi passerà per la prima volta sotto le telecamere non riceverà la multa, ma una lettera che lo informa e gli spiega come iscriversi e avere diritto ai 5 o 25 giorni, e non prenderà la multa neanche per i giorni che il Comune ci mette a mandargli a casa la lettera: la multa la prenderà certamente se, nonostante la lettera continuerà a passare”.

Multa il cui importo sarà di 80 euro, esattamente come per chi entra in Area C.