L'assistente vocale sarà pienamente integrato nel sistema multimediale delle auto e permetterà di svolgere funzioni oggi non previste

La sfida fra Amazon, Apple e Google si è spostata da qualche tempo anche sui cosiddetti smart speaker, piccoli amplificatori per la musica dotati al loro interno di uno o più microfoni che permettono di gestire alcune funzionalità tramite i comandi vocali: mentre si cucina è possibile ad esempio richiamare una canzone, aggiungere un prodotto alla lista della spesa o far accendere una luce di casa (purché predisposta). Ciò grazie agli assistenti vocali, ovvero software per il riconoscimento della voce che da alcuni anni si trovano anche nelle auto integrati ad Apple CarPlay e Android Auto. Amazon è in ritardo sul fronte delle auto e prova a rifarsi aprendo a tutti gli sviluppatori le funzionalità del suo assistente vocale (chiamato Alexa).

Con la voce per non distrarti

Da pochi giorni è possibile infatti scaricare i software per mettere a punto il sistema, che le case automobilistiche o gli sviluppatori dovranno prima adattare alle rispettive esigenze e poi integrare ai sistemi multimediali di bordo per offrire un'alternativa ad Apple CarPlay e Android Auto. La partita in questo caso si gioca sull'affidabilità e la precisione dei comandi e sulle funzionalità previste: ad Alexa infatti si potrà chiedere di mandare in riproduzione un libro su Audible (l'app di Amazon per gli audiolibri), far suonare una playlist musicale su Amazon Music oppure chiedere informazioni su ristoranti e hotel, oltre a funzioni più “basiche” come effettuare una telefonata o dettare la destinazione al navigatore satellitare. Al momento è presto per dire quali costruttori renderanno disponibile per primi il servizio.

 

Leggi anche:

Presto sarà pienamente integrato

Alcune case automobilistiche hanno già integrato Alexa nel sistema multimediale delle auto, ma ciò è servito “soltanto” per sfruttare i comandi vocali e gestire con essi alcune funzionalità minori della vettura. La novità degli scorsi giorni va oltre, perché Alexa diventerà una vera e propria alternativa a Apple CarPlay e Android Auto, quindi con un'interfaccia dedicata e maggiori funzioni rispetto ad ora.