Si continua a scavare sotto le macerie e sale a 39 il numero delle vittime. E' bufera su Autostrade per l'Italia: Toninelli chiede le dimissioni dei vertici e minaccia la revoca delle concessioni

Martedì 14 agosto, quando mancavano pochi minuti alle 12.00 è crollato un tratto del ponte dell’autostrada A10 a Genova-Ventimiglia, il cosiddetto ponte Morandi, percorso ogni giorni da migliaia di automobilisti che si recano dalla città ligure verso La Spezia e la riviera di Ponente (e viceversa). Il ponte è crollato nella zona del fiume Polcevera e con esso, purtroppo, sono precipitate decine di veicoli fra automobili e tir che erano in coda nel traffico. Il bilancio provvisorio è drammatico: 39 vittime e decine di feriti, considerando anche chi si trovava al momento del crollo nella zona industriale al di sotto del cavalcavia. Le ricerche dei dispersi sotto le macerie sono andate avanti tutta la notte e i soccorsi sono ancora in corso con l'autostrada completamente chiusa al traffico (qui gli aggiornamenti sulla viabilità). Intanto è già stata aperta un'inchiesta per disastro colposo a al centro della bufera c'è Autostrade per l'Italia accusata di non aver eseguito una manutenzione adeguata.

Toninelli: revoca delle concessioni ad Autostrade e 150 milioni di multa

La polemica politica cresce di pari passo alla rabbia per questa tragedia nazionale che ha fatto il giro del mondo. Ad alzare la voce è stato innanzitutto il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli che via Facebook ha chiesto le dimissoni dei vertici di Autostrade per l'Italia minacciando sanzioni pesantissime:

Alle società che gestiscono le nostre autostrade sborsiamo i pedaggi più cari d’Europa mentre loro pagano concessioni a prezzi vergognosi. Incassano miliardi, versando in tasse pochi milioni e non fanno neanche la manutenzione che sarebbe necessaria a ponti e assi viari. (...) E visto che ci sono state gravi inadempienze, annuncio fin da ora che abbiamo attivato tutte le procedure per l’eventuale revoca delle concessioni, e per comminare multe fino a 150 milioni di euro. Se non sono capaci di gestire le nostre Autostrade, lo farà lo Stato.

Toninelli ha inoltre preannunciato che Genova beneficerà del Fondo Emergenze della Protezione civile per ripristinare la viabilità ordinaria mentre per la ricostruzione del ponte verranno utilizzate le risorse del Piano economico e finanziario di Autostrade. A chi ha accusato lo stesso M5S di essersi opposto recentemente ad un progetto che avrebbe dovuto sostituire il ponte Morandi Toninelli risponde così:

E' impensabile, oltre che ignobile, collegare il crollo del ponte Morandi alla messa in discussione della realizzazione della Gronda di Genova, su cui è in corso un’analisi costi-benefici. Si tratta di un’opera che non costituisce una soluzione sostitutiva rispetto al viadotto sull’A10. E che comunque sarebbe pronta nel 2029. Ora basta sciacallaggio, noi vogliamo le grandi opere utili. E pensiamo soprattutto a rendere sicura questa nostra malridotta Italia. 

La tragedia del Ponte Morandi

Snodo per la riviera di Ponente

Il ponte Morandi è stato inaugurato nel 1967 e prende il nome dall'ingegnere che lo ha progettato, Riccardo Morandi. Misura in lunghezza poco meno di 1.200 metri, è alto 45 metri dalla strada sottostante ed è sorretto da tre grossi piloni in cemento armato. Il ponte è sicuramente famigliare a tutte le persone che passando da Genova si dirigono verso la parte orientale della Liguria, visto che rappresenta uno snodo fondamentale dell'autostrada A10 Genova-Ventimiglia. 

crollo ponte genova

Gli aggiornamenti sulla viabilità

Questi gli aggiornamenti ufficiali di Autostrade per l'Italia (15 agosto ore 10:00): sulla A10 Genova-Savona, tra il bivio per la A7 Milano-Genova e Genova Aeroporto, in entrambe le direzioni, si è resa necessaria la chiusura del tratto a seguito del crollo di una parte del viadotto Polcevera. Percorsi alternativi:

  • Chi da Savona è diretto a Genova o Livorno può utilizzare la A26 Genova-Gravellona Toce, successivamente la D26 Diramazione Predosa Bettole e la A7 Milano-Genova in direzione Genova.
  • Chi da Livorno e Genova è diretto a Savona, può percorrere la A7 Milano-Genova, seguire le indicazioni per la D26 Diramazione Predosa-Bettole per poi immettersi sulla A26 Genova-Gravellona Toce in direzione Genova e proseguire per Savona.
  • Coloro che sono diretti al porto di Genova e provengono da Milano o Livorno, possono percorrere la A7 Milano-Genova ed uscire a Genova ovest, percorso inverso per chi dal porto è diretto verso Milano o Livorno.
  • L'aeroporto di Genova è raggiungibile dalla A10 utilizzando l'uscita di Genova Aeroporto per chi proviene da Ventimiglia; invece chi proviene da Milano o Livorno deve uscire a Genova ovest sulla A7
  • Per le lunghe percorrenze, dal Frejus/Traforo del Monte Bianco verso il corridoio Tirrenico si consiglia la A21 Torino-Piacenza-Brescia proseguire in A1 verso sud per poi percorrere la A15 Parma-La Spezia percorso inverso in direzione Frejus e Traforo del Monte Bianco.
  • Chi da Ventimiglia è diretto verso il corridoio Adriatico può percorrere la A10 fino a Savona, proseguire sulla A6 Torino-Savona e successivamente sulla A21 Torino-Piacenza-Brescia e quindi a seconda della destinazione percorrere la A4 Torino-Trieste, o la A1 Milano-Napoli e quindi la A14 Bologna-Taranto.
 

Biserni: serve piano Marshall della viabilità

Arriva anche il commento di Giordano Biserni, presidente di Asaps, l'associazione dei sostenitori degli amici della polizia stradale che, dopo Bologna, invoca degli interventi strutturali ed evidenti per la viabilità: 

Questa ulteriore tragedia,  di cui non conosciamo ancora le minime dimensioni, certifica dopo il disastro del 6 agosto a Bologna, dopo il crollo di numerosi altri manufatti autostradali e non, che il sistema viario in Italia è in ginocchio. [...] Sarebbe facile ora sollevare la solita polemica sulle grandi opere che non servono... ma qui sta venendo giù il sistema viario ordinario. [...] E’ un’Italia che ci fa piangere in tutti i sensi. Ma si deve reagire! Qui serve un piano Marshall della viabilità e sicurezza stradale.ù

Fotogallery: Il crollo del Ponte Morandi nelle immagini dei Vigili del Fuoco