Gli apparecchi elettronici per seggiolini saranno dati in omaggio ai nuovi genitori in tre ospedali di Roma, Milano e Napoli

L'abbandono accidentale dei figli in auto è una piaga quantomai attuale: solo in Italia, in dieci anni, si sono verificati ben otto casi. Hanno perso la vita bambini dai 16 mesi ai 2 anni d'età e gli episodi hanno avuto luogo nei mesi di maggio, giugno e luglio. Per far fronte a tutto questo, UNASCA (Unione Nazionale delle Autoscuole e degli Studi di Consulenza Automobilistica) ha deciso di donare ad alcuni neopapà e neomamme un kit che segnala la presenza del bimbo sul seggiolino.

100 kit per neogenitori

Sabato 29 settembre, infatti, gli esperti di sicurezza stradale di UNASCA entreranno nei reparti di maternità di tre ospedali a Milano, Napoli e Roma, per sensibilizzare mamme e papà su questo delicato tema. Consegnando i dispositivi allarmanti che segnalano la presenza del bambino all’interno del veicolo direttamente sullo smartphone dei genitori.

Leggi anche:

Temperatura killer

Un'arma in più, quindi, per difendersi dalla distrazione, che in questi casi può diventare fatale. Da tenere presente, nella stagione calda, l'analisi del Ministero della Salute. Oltre al fatto che la temperatura dei bambini, a differenza degli adulti, può salire da 3 a 5 volte più velocemente, c'è da ricordare anche che la temperatura dell'auto può salire di 10 gradi ogni 15 minuti, anche con una temperatura esterna di 22 gradi; e da 10 a 15 gradi nella stagione più calda.