Anche la terza generazione avrà la serie speciale a due posti, sempre dotata del 2.0 turbo ma assai più cattiva e arrabbiata

L’arrivo della versione elettrica potrebbe far credere che la MINI stia puntando sull’ecologia a scapito della sportività e delle prestazioni. Niente di più sbagliato: se da un lato è vero che ci sarà una MINI a zero emissioni, dall’altro però troveremo una versione speciale decisamente grintosa e arrabbiata, che si ispira al prototipo dell’anno scorso Mini John Cooper Works GP Concept e avrà una variante potenziata del motore turbo 2.0. Questo modello è stato sorpreso nel corso dei primi test su strada, e sono bastati alcuni piccoli dettagli per far capire che sarà decisamente “caldo”.

Non la scambi per una JCW

Il prototipo della nuova MINI John Cooper Works GP aveva un look pressoché da corsa, che la versione stradale non sembra riprendere del tutto: dalle foto spia si nota infatti che il paraurti anteriore avrà un labbro meno pronunciato e non ci saranno i vistosi rigonfiamenti in corrispondenza dei passaruota. Questo però non significa che la GP rischi di essere scambiata per una “normale” Mini John Cooper Works, visto che avrà una grande ala posteriore, cerchi in lega specifici (quelli utilizzati sono di prova), dischi freno maggiorati e un assetto ancor più estremo, indispensabile per far fronte all’aumento di potenza.

Leggi anche

Anche lei sarà a 2 posti?

Anche la terza generazione dell’utilitaria inglese avrà quindi la sua versione John Cooper Works GP, una serie speciale in poche migliaia di esemplari con modifiche all’assetto, pneumatici ad alte prestazioni e un look quasi pronto corsa. I modelli del 2006 e 2012 erano entrambi a due posti, caratterista che dovremmo ritrovare anche su quella in corso di sviluppo (ciò servirà per tagliare i pesi). Il motore sarà lo stesso 2.0 turbo della normale John Cooper Works, da 231 CV, ma secondo alcune indiscrezioni potrebbe avere qualche decina di cavalli in più. L’esordio è fissato per il 2019.

Fotogallery: Nuova MINI John Cooper Works GP, le foto spia

Foto di: CarPix