Mangiare, chiacchierare e persino dormire mentre si viaggia in auto. Volvo ci spiega come sarà possibile

Immaginate di dover fare un viaggio più o meno di 300/400 chilometri, l'aereo è scomodo, il treno non ideale. L'auto sarebbe perfetta, ma guidare per tutti quei chilometri potrebbe essere una perdita di tempo. Questa è una delle situazioni tipo che gli ingegneri Volvo si sono figurati quando hanno pensato alla Volvo 360c (di cui avevamo dato un'anticipazione): un’auto elettrica totalmente autonoma e modulare. Uno "spazio" mobile, insomma dove viaggiare come in business class, ma senza staccarsi da terra. 

Le ultime in tema di guida autonoma

Meno conducenti più business

Ottimizzare il tempo degli spostamenti è, indubbiamente, uno degli obbiettivi della guida autonoma, ma finora sono stati pochi i progetti che realmente hanno affrontato l'argomento. Volvo 360c dunque, è un prototipo che  modifica l’approccio che fino a ora si è avuto, da parte delle Case, alla guida autonoma. Un approccio che, giustamente, ha privilegiato l'aspetto tecnologico, cioè il "come". Volvo Cars, focalizzandosi maggiormente sul perché ha aperto anche la strada all’individuazione di nuovi modelli di business, fra cui, per esempio, quello di creare un mezzo privato di prima classe che in alcune situazioni possa sostituire il treno o l'aereo. 

Volvo 360c Concept
Volvo 360c Concept

E le tecnologia?

Un veicolo on demand che ti venga a prendere a casa e ti porti nel luogo desiderato, anche lontano, in cui nel frattempo noi possiamo impiegare costruttivamente il nostro tempo. E qui entra in gioco la tecnologia applicata alla modularità dello spazio. Tavolini e salotti a scomparsa (in perfetto stile svedese), schermi olografici, addirittura una capsula/cuccetta per dormire sdraiati nella massima sicurezza basata su una coperta che ha una logica simile alla cintura di sicurezza a tre punti. Fermo restando che la guida totalmente autonoma è un obiettivo, ormai, solo temporale e di adeguamento legislativo, è il momento di in indirizzare la ricerca verso le possibili applicazioni .

Volvo 360c Concept
Volvo 360c Concept

La ricerca non si ferma

La ricerca strettamente "tecnica" sul veicolo e il suo muoversi nello spazio però non si ferma. Il passaggio alla guida autonoma non avverrà nell’immediato e quindi non coinvolgerà tutti i veicoli insieme. Dovremmo far convivere auto con conducenti e auto a guida autonoma ed è fondamentale che fra di esse e gli altri utenti della strada (es. pedoni e ciclisti) vi sia la massima comunicazione. Per questo Volvo 360c è anche un laboratorio per mettere a punto un sistema di luci, suoni ed elementi che dovranno poi diventare standard, a prescindere dal marchio, per consentire di segnalare in maniera univoca le manovre che l’auto a guida autonoma sta per effettuare.

Fotogallery: Volvo 360c Concept