Nonostante non siano diffuse su strada, con lo smartphone si possono controllare a distanza

Si dice che ci sia una app per tutto e in effetti è così. Anche per le auto elettriche che soprattutto in questo momento in cui devono diffondersi ancora su molte strade necessitano di maggiori attenzioni e servizi rispetto alle vetture tradizionali. In un futuro non molto lontano le app saranno ancor più complete e complesse, tanto che trasformeranno il nostro telefonino in un vero e proprio centro di controllo della macchina, come hanno in qualche modo anticipato alcune novità recenti tra cui l'innovativa TUC Technology presentata pochi giorni fa a Torino e basata su un sistema di connessione integrata che ha il suo centro di comando proprio in un’app. Nell’attesa, chi possiede un'auto a zero emissioni può già utilizzare diverse applicazioni utili che si dividono principalmente in due categorie: quelle pensate per la gestione in remoto di alcune funzioni della vettura e quelle realizzate per facilitare la ricerca e l'utilizzo di una colonnina di ricarica.

Se il telefonino diventa un telecomando

Auto elettrica che acquisti, app che trovi: Nissan per Leaf, Jaguar per I-Pace, Hyundai per Kona EV, BMW per i3 e i8, Renault per Zoe, Volkswagen per e-Golf, tanto per citare le principali, hanno previsto applicazioni con funzioni analoghe. Per prima cosa hanno un'area di monitoraggio e rilevamento statistico in cui si può di monitorare lo stato di carica della batteria e dell'autonomia stimata, lo storico delle percorrenze e dei consumi medi o l'efficienza del proprio stile di guida. Quasi tutte permettono anche di analizzare l'utilizzo che ogni proprietario fa della propria auto in modo da ottimizzare i cicli di ricarica su base settimanale o mensile e risparmiare sui costi di gestione. Poi hanno una seconda area dalla quale si ha accesso in remoto alla vettura e dalla quale si può, ad esempio, accendere l'impianto di riscaldamento o il climatizzatore prima di salire in auto, avviare o interrompere la ricarica delle batterie, programmare il navigatore.

Auto elettrica, tante cose da sapere

Alla ricerca della colonnina

La maggior parte delle app a tema “auto elettrica”, però, si rivolge a chi cerca una colonnina di ricarica. Nella giungla di proposte ci vuole un po' di tempo per trovare quella che risponde meglio alle proprie esigenze. Ci sono infatti le app dei singoli gestori dei punti di ricarica, che sono indispensabili se si è sottoscritto un abbonamento, ma ci sono anche software indipendenti che cercano di differenziarsi dagli altri per una o più funzioni. Ci sono le app in cui gli utenti creano una sorta di community e in cui postano fotografie e recensioni dei singoli punti di ricarica e ci sono le app che permettono di vedere se ci sono prese libere. Ci sono anche quelle che, trovato un punto di ricarica disponibile, offrono la possibilità di prenotarlo. La maggior parte di queste app, inoltre, ha un navigatore satellitare collegato, per cui si può impostare il punto di ricarica come meta e sapere quanta strada si deve percorrere e quanto tempo ci si metterà ad arrivare. Ci sono poi app che illustrano in modo dettagliato i tipi di colonnine e di connettori presenti in un determinato luogo e le procedure e i prezzi di accesso. Ci sono infine app che mostrano le principali attrazioni presenti nelle vicinanze di una colonnina, in modo che il proprietario durante la ricarica possa concedersi un pranzo al ristorante o un giro in un centro commerciale. Insomma, ce n'è per tutti.

In un panorama così variegato e in così veloce evoluzione, il consiglio è quello di provare a scaricare più di un'app e di scegliere la preferita, o le preferite, in base alle proprie necessità.

Fotogallery: Auto elettriche, le app dedicate sono già tante