Come andare a colpo sicuro per vedere le auto più belle e tutte le novità, senza perdere tempo

Se in questi giorni avete in programma un viaggio a Parigi e fra i vostri interessi c’è anche una bruciante passione per l’auto, sappiate che avete la possibilità di unire le due cose in una combo perfetta! Sì, perché queste sono le giornate del Salone di Parigi, aperto fino alle otto di sera del prossimo 14 ottobre e contrassegnato quest’anno da un numero concentrato di belle novità in anteprima mondiale. Non è necessario perderci l’intera giornata a Paris Expo Porte de Versailles (qui tutte le info su come arrivare e i prezzi dei biglietti), ma seguendo un percorso ben studiato si possono vedere le cose migliori in sole 3 ore e lasciare il resto del tempo alla visita della capitale francese. Vediamo come.

Biglietto online e partenza dal Padiglione 1

La prima cosa da fare per non perdere troppo tempo è acquistare il biglietto online (qui la biglietteria ufficiale del Salone), magari scegliendo un Open Ticket che permette di entrare in un giorno a scelta e con orario libero. A rendere ancora più facile la visita al Salone di Parigi c’è poi il fatto che i padiglioni davvero imperdibili sono tre (1, 4 e 5.2) che contengono le migliori “world premieres”. Appena varcati i cancelli occorre quindi avviarsi a passo spedito verso il Padiglione 1 (“Pavillon 1” in francese, leggermente a destra dell’ingresso), grande e quadrato dove occorre spendere almeno un’ora per ammirare le cose più interessanti. Imperdibile è l’appuntamento con la fascinosa Peugeot E-Legend, l’inedita DS 3 Crossback, le spettacolari Ferrari Monza SP1 e SP2, oltre a tutta la zona Limited che racchiude il meglio di Lamborghini, Aston Martin, Infiniti, Lotus e GFG Style.

Salone di Parigi 2018, Padiglione 1

... così la prima ora vola

Nello stesso Pavillon 1 non si può perdere poi l’appuntamento con la Renault EZ-Ultimo, concept futuribile per la mobilità autonoma di domani nella massima comodità, il restyling della Kadjar, il debutto pubblico della filante Kia Proceed e della sportiva Hyundai i30 Fastback N. Uno sguardo attento lo meritano anche gli stand Alpine dove brillano due versioni speciali della A110 e quello della neonata Casa vietnamita Vinfast che espone per la prima volta la berlina LUX A2.0 e il SUV dal nome molto simile LUX SA2.0, entrambe realizzate con Pininfarina.

Renault EZ-Ultimo

Al Pavillon 5.2 ci sono BMW e Mercedes

La seconda ora di visita deve per forza di cose essere riservata al Padiglione 5.2, quello in posizione rialzata alla sinistra dell’ingresso principale che racchiude due marchi protagonisti del Salone di Parigi, BMW e Mercedes. In casa BMW non si può certo perdere la nuova Serie 3, ma neppure la Z4 di terza generazione, la nuova X5 e la futura SUV elettrica Vision iNEXT. Dalla Casa della Stella arriva invece la nuova Mercedes Classe B, la Classe A Berlina, la SUV di lusso GLE, la EQC a zero emissioni e la splendida EQ silver Arrow. Nello stesso Pavillon 5.2 è bene dara un’occhiata anche alla concept smart forease, alla Tesla Model 3 che sta per sbarcare in Europa e ai tanti modelli della cinese GAC Motor.

Salone di Parigi 2018, Padiglione 5.2

La terza ora, al Padiglione 4, punta su Audi, Porsche, Skoda e Toyota

Per l’ultima ora di visita è poi necessario spostarsi al Padiglione 4 (subito a sinistra all’uscita dal 5.2), anche questo di forma allungata che ospita novità molto attese come l’Audi A1, l’elettrica e-tron, la Porsche Macan restyling, la superba 911 Speedster Concept II, ma anche le Skoda Vision RS e Kodiaq RS. Negli stessi spazi sono poi presenti la nuova Toyota Corolla, anche in versione familiare Touring Sports a fianco della RAV4, della Lexus RC restyling e della Honda CR-V Hybrid.

Salone di Parigi 2018, Padiglione 4

Fotogallery: Salone di Parigi 2018