Presentato nel 1987, sognava le gite fuoriporta e il divertimento anche nel misto

Costruire una sportiva alta da terra è una sfida a cui molte case non hanno saputo dire no, considerando il successo di vendite in tutto il mondo dei SUV e crossover. Quasi tutti però hanno scelto la via più “facile”, ovvero SUV dalle linee grintose, mentre nessuno ha ancora lanciato una coupé rialzata sul modello – per non andare troppo in là nel tempo – della Italdesign Parcour, una due porte bassa e filante con l'assetto di una fuoristrada. Un'interpretazione di questo tema era già arrivata a fine anni '80 dalla Isuzu, il marchio giapponese noto in Italia per i suoi pick up che 31 anni fa si regalò un “azzardo” con l'aggressivo prototipo COA-III.

Per entrare si alza il tetto

La COA-III è una vera sportiva alta da terra, perché a differenza di quanto visto su alcuni SUV qui la praticità e lo spazio a bordo vengono “sacrificati” sull'altare della grinta, tanto è vero che il prototipo ha un abitacolo con due soli posti e dimensioni compatte: in lunghezza non raggiunge i 3,80 metri. La doppia “anima” della COA-III si nota inoltre da particolari come i fari anteriori, sottili nella parte superiore del frontale e ispirati alle fuoristrada nella parte bassa, dove si trova una griglia per scongiurare le rotture come sulle auto da rally. All'interno si accede sollevando una grande struttura, che integra il tetto, il parabrezza e anche due sagomature al posto delle portiere: sedersi a bordo non dovrebbe rivelarsi difficoltoso.

Il motore da 300 CV è dietro i sedili

L'altra grande differenza con i SUV ad alte prestazioni sta nella meccanica: la Isuzu COA-III ha il motore dietro la cabina di guida, una soluzione fondamentale per migliorare il comportamento su strada visto che aiuta a centralizzare i pesi. La COA-III è dotata di un quattro cilindri turbo a benzina da 1.6 litri, che a dispetto dei 30 anni (il prototipo è del 1987) eroga 300 CV. La potenza è in linea con le auto moderne, e sulle auto moderne si ritrova un'altra “primizia” di questa concept car, dotata di una gestione elettronica del cambio automatico che fa cambiare la velocità dei passaggi da una marcia all'altra a seconda dello stile di guida e della strada. La COA-III è rimasta un esercizio di stile.

Fotogallery: Isuzu COA-III