Con 512 GB di memoria, tecnologia SuperVOOC e scocca tipo fibra di carbonio, costa 1.700 euro

I più fortunati, una Lamborghini se la comprano in concessionaria. Qualcuno, molti di più, la scelgono in un negozio di modellismo. Da oggi, la potete avere in forma di smartphone: si chiama OPPO FindX e, come potete immaginare, si tratta di un prodotto di fascia alta, come testimonia il prezzo consigliato di 1.699 euro.

Sistema operativo Android

Gli amanti dell’iPhone faranno fatica ad accettare l’idea, ma il primo “smartphone Lamborghini” si basa sul sistema operativo Android. Altre caratteristiche tecniche salienti sono: schermo curvo panoramico AMOLED, Gorilla Glass 5, riconoscimento facciale 3D, fotocamera frontale da 25 MP, fotocamera doppia con intelligenza artificiale da 16 MP e 20 MP, fotocamere retrattili 3D, Color OS 5.1, Snapdragon 845 da 2,8 GHz, RAM da 8 GB abbinata a ROM da 512 GB e batteria con struttura a doppia cella, ognuna da 1700 mAh (per una capacità complessiva di 3400 mAh). Tempo di ricarica? Da 0 al 100% in 35 minuti.

Dettagli curati

A fare dell’OPPO FindX uno smartphone Lamborghini sono pochi, ma importanti dettagli. Il primo è la trama a effetto fibra di carbonio che caratterizza la scocca del Find X e rappresenta un chiaro rimando all’elemento di cui sono fatte le scocche (ma non solo) delle sportive di Sant’Agata Bolognese. Sul retro dello smartphone, il Toro Lamborghini è inciso in carbonio e appare sospeso nel vuoto, in virtù di un effetto tridimensionale sviluppato per mezzo di una tecnologia specifica.

Fotogallery: Lamborghini Aventador SVJ test drive all'Estoril