Tra nuovi modelli, Corsa compresa, restyling ed elettriche la Casa tedesca si prepara al grande rinnovamento

Il gioco di parole più scontato sarebbe “il Fulmine prende la scossa”. Calembour a parte la notizia è questa: Opel si prepara ad elettrificare la propria gamma da qui al 2020, con 4 modelli a emissioni zero in rampa di lancio, così da rispettare i limiti sulle emissioni di gamma che entreranno in vigore nel 2020. Una rivoluzione interna resa possibile dall’ingresso nella galassia PSA, le cui tecnologie saranno alla base dell’elettrificazione di massa, come avviene per le “cugine” Citroen, DS e Peugeot.

Si inizia di Corsa

Il primo modello della nuova fase di Rüsselsheim sarà la nuova generazione della Opel Corsa, in arrivo nel 2019 sia in versione normale sia con motorizzazione elettrica. Un primo passo che, nel 2024, vedrà l’intera gamma Opel disponibile anche in versione 100% elettrica. Un modello importante per il Fulmine che sfrutterà una piattaforma di origine PSA, o quella delle attuali Citroen C3 e Peugeot 208 oppure la CMP che ha debuttato al Salone di Parigi con la DS 3 Crossback, anche lei disponibile sia con motori a pistoni sia in versione a emissioni zero. Pare quindi che i progetti sviluppati da General Motors (precedente proprietaria di Opel) siano stati definitivamente accantonati. 

Per persone e cose

Sempre nel 2019 arriverà la nuova generazione dell’Opel Vivaro, sia in versione per trasporto persone sia in allestimento commerciale. Le novità riguarderanno anche l’Opel Combo, appena rinnovato con la nuova generazione (su piattaforma EMP2) e pronto ad allargare la propria gamma con nuove versioni commerciali.

La crescita dei SUV

Attualmente il 25% delle vendite di Opel è rappresentata da SUV, una percentuale che la Casa tedesca vuole veder crescere fino al 40% in 2 anni. Per farlo a Rüsselsheim hanno in programma di lanciare la nuova generazione della Mokka X, attesa per il 2020 con uno stile che potrebbe riprendere quello della concept GT X Experimental. Un anno prima sarà invece il turno della Grandland X PHEV, la versione ibrida plug-in del SUV medio tedesco, sulla scia di quanto visto a Parigi su DS 7 Crossback E-Tense 4x4 e Peugeot 3008 PHEV, che con la Grandland X condividono la piattaforma EMP2.

Il momento degli addii

Ai nuovi arrivi dei prossimi anni faranno eco degli addii nel listino Opel. A fare le spese della strategia PACE! saranno Adam, Karl e Cascada, in viaggio sul viale del tramonto. Il loro ciclo di vita avrà termine alla fine del 2019 e per loro non ci saranno eredi. Così Opel potrà contenere i costi e concentrarsi su segmenti ben più remunerativi.

Fotogallery: Opel Corsa, accento francese per la nuova generazione