Chi acquista il SUV elettrico riceve un pacchetto di servizi dedicati alla ricarica, compreso un bonus autonomia di 14 mila chilometri

Facile dire elettrico. Poi è un attimo scontrarsi con i soliti problemi: la mancanza di colonnine, i lunghi tempi di ricarica, la doverosa e minuziosa programmazione del viaggio. Le cose stanno migliorando con l'arrivo delle auto elettriche di nuova generazione che portano in dote delle nuove formule di assistenza al cliente che decide di scommettere sulla mobilità a zero emissioni. Ne è un esempio l'accordo fra Audi ed Enel dedicato a chi si metterà in garage un Audi e-tron nuova di zecca. Ad un prezzo base di 83.930 euro, con le prime consegne previste a febbraio 2019.

Trattamento personalizzato

Il programma Enel X per Audi e-Tron vuole infatti offrire ai proprietari del primo SUV elettrico dei Quattro Anelli un'esperienza vantaggiosa, che li convinca ad abbandonare l'auto tradizionale. Ma di cosa si tratta in concreto? I clienti possono scegliere il servizio offerto da Enel X come optional gratuito, ordinabile al momento della scelta dell'auto.

Un pacchetto che comprende sopralluogo domestico, consulenza per l’aumento della potenza elettrica dell’impianto di casa, predisposizione del sistema di ricarica e dell’accesso – con l’app per smartphone e la card Enel X Recharge – alla rete pubblica di energia elettrica Enel X, ma non la wallbox per la quale bisogna mettere in conto una spesa di circa 1.000 euro.

Quanto ai tempi di ricarica nel garage di casa (e si suppone che i clienti di un'auto che può arrivare a costare 100.000 euro ne siano dotati) si può spesso ricaricare solo fino a 7 kW (dipende dalla rete) che significano circa 12 ore per avere le batterie piene.

Viaggi gratis per oltre 10.000 km

Chi sceglie il pacchetto gratuito Ready for E-tron riceve pure un “super bonus” di ben 3.300 kW di energia da utilizzare per la ricarica del proprio SUV Audi nell'arco di due anni. Il che significa, secondo i dati di Enel, oltre 14.000 km gratis (e ad energia pulita) per godersi i 408 CV e 664 Nm scaricati a terra sulle quattro ruote del pulito super SUV tedesco. Quanto costano le ricariche successive? 45 centesimi/kWh per la ricarica a 11-22 kW in qualsiasi colonnina Enel X oppure 50 centesimi/kWh per la ricarica a 50-150 kW.

Utilizzabile facilmente come prima auto, dato che le batterie si ricaricano dell'80 per cento in meno di mezz'ora con colonnine ad alta capacità da 150 kW, le cosiddette Ultrafast, che però in Italia ancora non esistono. A proposito di praticità, per un'elettrica da viaggio fondamentale sarà l'assistenza e Audi assicura in partenza una rete di 45 officine autorizzate alla manutenzione mentre per il soccorso stradale dedicato anche a chi potrà rimanere a secco di energia si sta studiando una forma di "powerbank" stradale in gradi di raggiungere il cliente in panne.

Un piano ambizioso

Tornando all'infrastruttura, ricordiamo l'ambizioso piano di sviluppo di Enel X di energia elettrica prevede in tutto 7 mila colonnine a 22kW (quick), 50kW (fast) e 350 kW (Ultrafast) entro due anni, per arrivare poi a 14mila nel 2022. Nell'ambito di questo piano rientra anche il progetto EVA+ (Electric Vehicles Arteries) co-finanziato dalla Commissione Europea, a cui Volkswagen Group Italia partecipa insieme ad altri costruttori: si parla di 180 punti di ricarica veloce lungo le tratte extraurbane italiane. Le prime 100 colonnine sono già attive e permettono la ricarica di Audi e-tron in 1 ora e 20 minuti circa.

Fotogallery: Audi e-tron, le prime foto ufficiali