La casa californiana smentisce gli analisti e incassa 6,8 miliardi, registrando un profitto di 311 milioni. Merito della Model 3

Tesla sembra aver cambiato marcia a livello finanziario e per la terza volta in 15 anni ha chiuso in attivo un bilancio trimestrale, mettendo fine così a un lungo periodo di critiche, difficoltà e guai legali Il costruttore californiano ha annunciato di aver guadagnato 311,5 milioni di dollari (272,8 milioni di euro) da luglio a settembre, trimestre in cui il volume d'affari è schizzato a 6,8 miliardi di dollari (5,96 miliardi di euro), smentendo le previsioni degli analisti: secondo loro Tesla avrebbe dovuto fatturare 5,67 miliardi e registrare una perdita di 0,53 dollari per azione, ma ogni titolo ha fruttato invece 1,75 dollari.

La Model 3 fa da traino

Il Costruttore ha parlato di risultati storici e snocciolato una lunga serie di numeri per confermare il suo entusiasmo. Gli analisti in particolare si sono soffermati sul margine di guadagno lordo generato da ogni Model 3 venduta, pari al 20%: ciò significa che in media Tesla ha ottenuto nel trimestre un profitto lordo del 20% sul prezzo di ogni Model 3.

La berlina è dunque una vettura molto profittevole e assicura enormi margini di guadagno, a maggior ragione ora che la produzione non è più rallentata. Nel terzo trimestre Tesla ha costruito più di 80.000 automobili, il 60% delle quali erano Model 3, messe a punto secondo quanto annunciato più velocemente del 30% rispetto al trimestre precedente.

Tesla Model 3
Tesla Model 3

Resta il “fardello” del debito

Tesla dovrà concentrarsi da ora in avanti per ribassare l'enorme debito, cresciuto ulteriormente nel terzo trimestre di 731 milioni di dollari (sfiora i 3 miliardi). Questi risultati però danno fiducia all'azienda e dimostrano la bontà del progetto Model 3 che, oltre ad assicurare guadagni in linea con le più blasonate supersportive, va molto bene anche sul fronte delle vendite: stando ai numeri forniti dal Costruttore.

La berlina è stata consegnata in oltre 50.000 unità nel trimestre, dietro in questa classifica (dove sono presenti i pick-up) soltanto alle meno costose Toyota Camry, Honda Civic, Honda Accord e Toyota Corolla.

Fotogallery: Tesla al Salone di Parigi 2018